Maverick

Aggiornamento svogliato della serie televisiva degli anni Sessanta ricordata con affetto che si avvalle fortemente del fascino individuale per portare avanti una storia che si trascina troppo lenta e troppo a lungo. Gibson è divertente nei panni dell’abile baro delle carte a caccia di piatti ricchi a poker e il cast è pieno di facce familiari dal mondo dei western televisivi d’annata e della musica country contemporanea. Cercate un paio di cammei delle star dei film precedenti del regista Donner. Garner, che recitò nella vecchia serie tv, qui fa un maresciallo. Sceneggiatura di William Goldman. Panavision.

Panic Room

Subito dopo aver divorziato da un boss dell’industria farmaceutica, Meg si trasferisce insieme alla figlia Sarah in un appartamento a tre piani nel cuore di Manhattan. Appartenuta a un miliardario da poco scomparso, la casa è dotata di un rifugio con muri in cemento armato, linea telefonica indipendente da quella principale, sistema di ventilazione autonomo e monitor che consentono di sorvegliare tutte le altre stanze. I nuovi inquilini sanno che l’ex proprietario ha fatto costruire questa stanza per rifugiarvisi nel caso di visite da parte di malintenzionati ma quello che Meg e Sarah ignorano è che, sotto il pavimento, sono nascosti buoni del tesoro per svariati milioni di dollari. Durante la loro prima notte nella nuova casa, madre e figlia vengono svegliate dall’arrivo di uno sgangherato trio di ladri, decisi ad andarsene solo dopo essersi impadroniti del tesoro. Verranno tenuti in scacco per tutta la notte dalle due padrone di casa, blindatesi nella «Panic room» ma impossibilitate a chiamare aiuto poiché la linea telefonica del rifugio non è ancora stata attivata. Già regista di
Seven
e
Fight Club
, David Fincher mette in scena un thriller interamente ambientato fra le mura domestiche, affidando a un’ottima Jodie Foster il ruolo di una madre che, pur soffrendo di claustrofobia, vince le sue paure e lotta a viso aperto contro chi ha osato violare il suo nido. Jared Leto, Forest Whitaker e Dwight Yoakam sono tre ladri un po’ pasticcioni ma, per motivi diversi, fermamente intenzionati a mettere la mani sul bottino, mentre l’adolescente Kristen Stewart è una figlia sofferente di diabete che riuscirà a intenerire uno dei malviventi. Fincher riesce a mantenere alta la tensione per tutta la durata del film, spingendo lo spettatore a identificarsi in Meg e a ragionare insieme a lei sulle possibili mosse per mettere in trappola i tre intrusi e passare dal ruolo di vittima predestinata a quello di carnefice. Per il ruolo della Foster, al quarto mese di gravidanza nel giorno dell’ultimo ciak, era stata in origine scelta Nicole Kidman. L’attrice australiana si è però rotta un ginocchio durante uno dei primi giorni di lavorazione, costringendo i produttori a «ripiegare» sulla protagonista de
Il silenzio degli innocenti
. I risultati al botteghino, oltre trenta milioni di dollari incassati durante il primo weekend di programmazione, non ne hanno certo risentito.
(maurizio zoja)

Casotto

Una spaziosa cabina della spiaggia libera di Ostia fa da sfondo a un campionario di umanità varia che, di volta in volta, si alterna all’interno del casotto. Sergio Citti, allievo prediletto di Pier Paolo Pasolini, si serve in maniera eccellente del notevole gruppo d’interpreti (tra i quali spicca Jodie Foster, reduce dal successo di Taxi Driver, che le valse una nomination agli Oscar) e dell’angusto spazio in cui i suoi attori sono costretti a muoversi. In grande evidenza soprattutto Gigi Proietti e Paolo Stoppa. (andrea tagliacozzo)

Il silenzio degli innocenti

Un maniaco terrorizza gli Stati Uniti uccidendo e scuoiando alcune giovani donne. Il sergente dell’FBI Jack Crawford sceglie come assistente la giovane recluta Clarice Starling, convinto che la ragazza possa convincere lo psichiatra Hannibal Lecter, rinchiuso in un manicomio criminale in seguito a episodi di cannibalismo, ad aiutarlo nelle indagini. Dal romanzo di Thomas Harris, un geniale thriller, originalissimo, crudo e violento: in alcune parti quasi insostenibile, in altre terribilmente affascinante. Per tecnica, costruzione narrativa e atmosfera, il migliore mai realizzato. Cinque Oscar: film, regia, sceneggiatura (di Ted Tally), attore e attrice protagonista (Hopkins e la Foster, entrambi straordinari). (andrea tagliacozzo )

Inside Man

Quattro malviventi travestiti da imbianchini entrano in una banca di New York, il Manhattan Trust, prendendo in ostaggio cinquanta persone tra clienti e dipendenti. Il caso viene affidato al negoziatore della polizia Keith Frazier, ancora coinvolto in un caso di corruzione. All’interno dell’istituto i ladri fanno spogliare gli ostaggi e gli ordinano di indossare i loro stessi indumenti (tute e maschere bianche, opportunamente introdotte). Nessuno, in questo modo, capirà chi è l’altro. I contatti tra autorità e rapinatori tardano a essere stabiliti e le successive richieste dei malviventi sono troppo assurde per essere prese in considerazione. Il caso appare da subito anomalo…

La recensione

Una banca che cela un segreto. Una banda di rapinatori determinati. Un detective che si deve riscattare. Questi gli elementi che si intrecciano a formare la trama del nuovo joint firmato Spike Lee. C

Contact

Una donna ha dedicato tutta la sua vita a studiare le stelle, poiché convinta che ci possa essere qualche altra forma di vita; verrà ostacolata dal suo superiore alla National Science Foundation, e isolata finché non riceverà un messaggio dallo spazio. Sceneggiatura decisamente commovente che ci trasporta nell’ossessione della Foster e ci permette di condividere la sua odissea nello spazio sconosciuto. Questo film, appassionato e intelligente, suscita meraviglia e stupore, che compensano così la lunghezza eccessiva e un finale artificiale. La Foster è semplicemente sensazionale. Tratto da un romanzo di Carl Sagan. Panavision.

Flightplan – Mistero in volo

Kyle Pratt (Jodie Foster) è un ingegnere aeronautico. Suo marito è appena deceduto precipitando tragicamente dall’ultimo piano del palazzo in cui vivono a Berlino. Dopo aver risolto le pratiche burocratiche all’obitorio, la donna parte alla volta degli Usa insieme alla figlia Julia (Marlene Lawstone), di sei anni, per riportare la salma del coniuge alla famiglia. Arrivate all’aeroporto, sono le prime a passare il check-in e salire a bordo del modernissimo Airbus 380, occupando due posti in fondo al ponte superiore. Julia è ancora sotto shock per la recente perdita e sua madre fa di tutto per cercare di consolarla. Così, insieme, decidono di stendersi su di una fila centrale di posti liberi per riposare. Qui si addormentano. Ma quando Kyle riapre gli occhi, sua figlia non c’è più. Preoccupata, la donna comincia a cercarla per tutto l’aereo, chiedendo informazioni ai passeggeri e agli assistenti di volo. Il nome della bambina non risulta neanche nella bolla d’imbarco e nessuno si ricorda di averla mai vista salire a bordo. Kyle allora chiede insistentemente di parlare con il comandante ma viene immobilizzata dall’agente di sicurezza a bordo, Gene Carlson (Peter Sarsgaard). L’uomo l’aiuta nelle vane ricerche della piccola, mentre il resto dei passeggeri è costretto a rimanere seduto per ordine del capitano. Lentamente, nella mente di tutti, comincia a consolidarsi l’idea che la donna sia pazza e che in realtà sua figlia non sia sull’aereo. Come stanno in realtà le cose? Kyle mente o è veramente successo qualcosa di terribile a sua figlia?

Dal produttore Brian Glazer
(A Beautiful Mind, 8 Mile)
e dal regista Robert Schwentche
(Tatoo)
un thriller ben studiato che abbatte il tabù post 11 settembre dei film ambientati sugli aerei. Gli elementi per una buona pellicola ci sono tutti: un ottimo cast, una buona sceneggiatura (che ogni tanto sfrutta qualche trucco del genere) e il preciso occhio del regista che non delude mai lo spettatore. Jodie Foster è perfetta nel ruolo di Kyle, personaggio che mischia sensibilità e durezza d’animo. Convince anche l’interpretazione dell’agente di sicurezza offerta da Peter Sarsgaard
(Kinsey, La mia vita a Garden State).

Il difetto sta semmai nel ritmo. Il momento di massima tensione si raggiunge a metà della proiezione, allorché il mistero sulla scomparsa di Julia, la brava Marlene Lawston (alla sua prima esperienza cinematografica), è più che mai un dilemma. Poco dopo però lo schema della trama è fin troppo chiaro e la pellicola si trasforma in un action movie fatto di inseguimenti e sparatorie negli angusti spazi dell’aereo.

Un vero peccato per una storia che avrebbe potuto sforzarsi di caratterizzare più a fondo tutte le figure dei suoi personaggi principali, anziché perdersi in spettacolari ma quanto mai sterili scene d’azione nel finale, sacrificando così il climax della storia. Il tutto poi è condito da un pizzico di retorica: l’indifferenza e l’ostilità dei passeggeri e del personale di bordo, l’altezza morale del capitano, le accuse a un uomo di nazionalità araba estraneo a tutto (e che si rivelerà anche di buon cuore) e l’incompetenza seguita da imbarazzo di una psicologa improvvisata. Pregevole invece la scelta del cattivo che, in uno dei primi film girati in quota dopo l’11 settembre, fa riflettere sulla ragione dell’attuale pericolo terroristico. Un film, quindi, riuscito a metà che deve molto alla bravura dei suoi interpreti e alla capacità del regista di farla risaltare.
(mario vanni degli onesti)

Ombre e nebbia

Trasposizione cinematografica di M , una breve pièce teatrale scritta dallo stesso Allen. Il film è ambientato negli anni Venti, in una imprecisata città terrorizzata dalle gesta di un misterioso assassino. Il timido impiegato Kleinman viene svegliato nel cuore della notte per partecipare a una caccia all’uomo. Dopo una serie di strani incontri per le strade semideserte della città, il pover’uomo si ritrova a essere ingiustamente additato come l’omicida. Il film, splendidamente fotografato in bianco e nero da Carlo Di Palma, si ispira chiaramente all’espressionismo tedesco, ma, pur non mancando di annotazioni valide e momenti di notevole efficacia, il film rischia di rimanere schiacciato dalle sue stesse ambizioni. Ottimo il cast. (andrea tagliacozzo)

Sommersby

Finita la guerra civile Gere torna nella sua casa del Sud dopo sei anni di prigionia, ma la moglie non riconosce più l’uomo che aveva sposato. Ambientazioni e fotografia sontuose (in Virginia), per un film in grado di trasportarvi nel tempo e nello spazio, ma nonostante le buone performance i personaggi rimangono distanti, e così pure i loro guai. Gere è produttore esecutivo. Remake del successo francese Il ritorno di Martin Guerre. Panavision.

A donne con gli amici

In una cittadina della California, quattro amiche, giunte alle soglie dell’età adulta, si barcamenano tra i primi amori seri e i rapporti, spesso turbolenti, con i propri genitori. Debutto dietro la macchina da presa di Adrian Lyne – futuro regista di 9 settimane e ½ e Attrazione fatale – con una commedia esile, ma ben recitata da un cast in gran parte formato di giovani promesse. (andrea tagliacozzo)

Piccoli gangsters

Alan Parker esordisce alla regia con una curiosa parodia dei film di gangster, ambientata nell’America dei ruggenti anni Venti e interamente interpretata da bambini. Un’idea originale, abbastanza divertente, ma non tanto da reggere la durata di un intero film. La colonna sonora composta da Paul Williams, già autore delle canzoni de
Il fantasma del palcoscenico
di Brian De Palma, venne candidata agli Oscar. Da notare che la giovanissima Jodie Foster era reduce dalle riprese di
Taxi Driver
, per il quale verrà candidata all’Oscar come attrice non protagonista.
(andrea tagliacozzo)

Nell

La morte di una donna eremita in una cittadina del Sud conduce un dottore nel bosco, dove scopre che la defunta aveva una figlia cresciuta senza alcun contatto col mondo civilizzato: ne resta affascinato, e così pure una scienziata ricercatrice di un’università locale, che vorrebbe “catturarla”. Una premessa intrigante si appiattisce man mano che la storia perde concentrazione e le motivazioni e le relazioni tra i personaggi diventano confuse. La Foster dà un’interpretazione di grande bravura, ma ciò che risulta difficile dimenticare è proprio il fatto che si tratta di un’interpretazione. 

Dentro la grande mela

Dramma malinconico su alcuni giovani le cui vite convergono in un quartiere del Bronx nel 1964. Uno di loro, appena uscito di prigione, procurerà guai agli altri. Inaspettatamente melodrammatico ma riuscito e credibile… e probabilmente l’unico film ambientato negli anni Sessanta a non usare canzoni dell’epoca per evocare il periodo. La musica d’atmosfera di James Newton Howard è molto più efficace. Scritto da John Patrick Shanley.

Alice non abita più qui

La non più giovanissima Alice, rimasta vedova con un figlio a carico, decide di mettersi in viaggio per tornare nella città dove è nata, Monterey. Durante una sosta ad Albuquerque, la donna viene assunta in un motel come cantante. S’innamora di un uomo già sposato, Ben, ma, a causa della moglie di questi, la relazione s’interrompe bruscamente. Alice e il figlio sono costretti a ripartire. Stilisticamente quasi agli antipodi del precedente
Mean Streets
e del successivo
Taxi Driver
, ma non meno straordinario, anche grazie alla bravissima Elleb Burstyn, che vinse un Oscar. Dal film venne tratta una serie televisiva.
(andrea tagliacozzo)

Il prossimo uomo

Durante un’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il Ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, Khalil Abdul, afferma che per migliorare la situazione economica dell’area mediorientale sarebbe auspicabile un’alleanza con Israele. Le clamorose dichiarazioni finiranno per portare il diplomatico nel mirino di una killer professionista. Un discreto melodramma con molti scenari (New York, Bavaria, Londra, Marocco ecc.) e uno Sean Connery nelle inusuali vesti dell’arabo (già indossate l’anno precedente ne
Il vento e il leone
). Il film, curiosamente, anticipò la svolta di Sadat, protagonista, nel 1977, dello storico accordo con lo Stato ebraico.
(andrea tagliacozzo)

Taxi Driver

Palma d’oro come miglior film al Festival di Cannes 1976. Un reduce del Vietnam, disperatamente solo e sofferente d’insonnia, trova lavoro come tassista notturno. Alle prese con i clienti più disparati e con storie quotidiane di ordinaria follia, l’uomo si erge a paladino di una minorenne (Jodie Foster) biecamente sfruttata sul marciapiede. Già fattosi notare con gli eccellenti
Mean Streets
e
Alice non abita più qui
, Martin Scorsese realizza il suo primo, vero capolavoro, disperata e angosciante discesa nella solitudine e negli inferi della violenza urbana. Oltre alla stilizzata regia di Scorsese, straordinaria anche la sceneggiatura firmata da Paul Schrader, che tornerà a lavorare con il cineasta newyorkese in
Toro Scatenato, L’ultima tentazione di Cristo
e
Al di là della vita
. La Foster, appena tredicenne, fu candidata all’Oscar come migliore attrice non protagonista.
(andrea tagliacozzo)

Alla ricerca dell’isola di Nim

In un’isola tropicale sperduta in uno dei Sette Mari, tra foreste pluviali e leoni marini, vivono Jack e sua figlia Nim. Lui è un biologo marino appassionato di ogni forma vivente “che non abbia più di una cellula” e conduce ricerche su plancton non ancora scoperti, lei è una bambina curiosa, spensierata, amante della natura e dei libri di avventura. Il suo eroe preferito è Alex Rover, un personaggio di fantasia creato da una timida e ipocondriaca scrittrice, Alexandra, vero e proprio alter ego per vincere le sue paure e ossessioni. Circostanze incredibili e situazioni pericolosissime spingeranno Nim a chiedere aiuto ad Alex/Alexandra per ritrovare Jack, disperso in mare da una tempesta, e per riconquistare l’isola segreta minacciata dai pirati più spietati di tutti gli oceani: i turisti da crociera.