Non dirle chi sono

Reduce da una malattia che lo ha fatto diventare calvo, il giovane Gus non ha il coraggio di avvicinare le ragazze. La sorella decide di aiutarlo, trasformandolo in un’altra persona. Lo spunto del film, per certi versi interessante, viene malamente sfruttato dall’inglese Malcolm Mowbray, alla sua terza regia dopo l’apprezzato Pranzo reale (realizzato in patria nell’85) e Il macellaio (girato negli Stati Uniti quattro anni più tardi).
(andrea tagliacozzo)