Un bacio e una pistola

Meeker è un perfetto Mike Hammer nell’adattamento umorale, veloce e violento del romanzo di Mickey Spillane. Con anni di anticipo, una grande influenza sui registi francesi della Nouvelle Vague: uno dei film migliori di Aldrich. Debutto cinematografico per la Leachman. Alcune versioni homevideo hanno 82 secondi in più di metraggio che cambiano completamente il finale.

Poliziesco brusco e tortuoso, sceneggiato da A.I.  Bezzerides, il film colpì per la sua carica di visionaria violenza offrendo il ritratto di un mondo oscuro e corrotto, rilettura pessimista e angosciante del mito del vaso di Pandora. Maltrattato all’uscita, in seguito è diventato un noir di culto grazie soprattutto all’entusiasmo dei critici della Nouvelle Vague. Grande la regia barocca di Aldrich, splendida la fotografia di Ernest Laszlo.