Spider-Man 3

Peter Parker ha trovato l’amore e la propria dimensione di eroe dotato di super poteri al servizio della più che mai splendida New York. Ha regolato i conti con i nemici che minacciavano la città e tutto sembra perfetto, ma una meteora precipita durante una romantica notte stellata preannunciando una minaccia e la carriera di attrice della dolce Mary Jane non brilla a Broadway. Nel frattempo un malvivente evaso dal carcere è vittima di un esperimento scientifico e si trasforma nel tremendo Uomo Sabbia. L’amico/nemico Harry Osborn non si dà pace per la morte del padre e ne raccoglie l’eredità nelle vesti del Nuovo Goblin, nel proposito di vendicarsi di Spider-Man. Inoltre un intraprendente e spregiudicato
free-lance
cerca di sottrarre il posto di fotografo del povero Peter al
Daily Bugle,
diventando Venom, la sua nemesi e il suo nemico più terribile.

La recensione

L’attesa è terminata e finalmente il terzo episodio cinematografico di Spider-Man arriva nelle sale con i consueti numeri da record: anni di lavorazione, migliaia di persone coinvolte, budget elevatis

La casa 2

Un gruppetto di amici chiusi in una casa sperduta nei boschi evoca un antico demone sumero. Il risveglio del male scatenerà una immane carneficina. Secondo film di Sam Raimi, in pratica la versione professionale dell’artigianale film d’esordio (
La casa
, 1983), è quello che precisa lo stile del regista, che fino a
Soldi sporchi
sarà impegnato in una rilettura del cinema di genere tutta all’insegna del gioco. Grazie a un uso inventivo e quasi sperimentale della steady-cam (fra cui l’impressionante ram-cam, in pratica un ariete cinematografico capace di passare da parte a parte un auto), il film propone un’avventura dello sguardo che ha pochi eguali per divertimento, velocità, e visionarietà. Raimi si tiene alla larga da ogni profondità; e nelle forme ridotte a segni grafici, nei personaggi azzerati attorno alla propria funzione narrativa, nella logica da cartoon, mette in scena l’horror postmoderno per eccellenza, pietra di paragone sanguinosa e beffarda.
(luca mosso)

Spider-Man

«Un grande potere comporta grandi responsabilità», questo il consiglio di zio Ben a Peter Parker, un ragazzo orfano del Queens di New York, timido, impacciato, secchione e un po’ sfigato. Peter un giorno viene morso da un ragno mutato geneticamente e dal quel momento la sua vita cambia, acquista super poteri e un sesto senso fuori dal comune. Un giorno lo zio Ben viene ucciso e Peter decide così di mettere i suoi poteri al servizio della giustizia, considerando anche la comparsa del pericoloso Green Goblin, un «cattivo» che spaventa la città. In occasione del quarantesimo anniversario dalla sua prima apparizione in fumetto, l’Uomo Ragno approda sul grande schermo, frantumando negli Usa tutti i record di incassi degli ultimi anni: da
Titanic
a
Harry Potter.
Stan Lee, padre del fumetto Marvel, ha aspettato 40 anni, ma alla fine il suo sogno si è realizzato e
Spider-Man
è diventato un film, un gran bel film. Gli appassionati del comix americano non potranno bocciare la pellicola di Sam Raimi che, nella sceneggiatura e nella psicologia dei personaggi, ricalca fedelmente l’originale cartaceo. Il rischio di proporre il solito polpettone infarcito di effetti speciali era dietro l’angolo, ma si è riusciti a evitarlo, producendo un film che non stufa, ma appassiona. Il finale lascia presagire l’arrivo di un sequel e infatti è così, anzi, si parla già del terzo episodio. E un’altra saga è iniziata.
(andrea amato)

Drag Me to Hell

Christine Brown è un’impiegata bancaria fidanzata con il giovane e affascinante Clay Dalton. La sua vita cambia totalmente nel giorno in cui la misteriosa signora Ganush arriva alla banca implorando un’estensione sull’ipoteca sulla sua casa. Christine è combattuta tra l’impulso che la spinge ad aiutare la povera donna e il desiderio di impressionare il suo capo per ottenere una promozione; nega così l’estensione sull’ipoteca alla donna. La povera vecchia perde la propria casa e, per vendicarsi, getta una maledizione sulla ragazza trasformando la sua esistenza in un inferno.

Darkman

Lo scienziato Peyton Westlake viene dato per morto nell’esplosione, deliberatamente provocata da una banda di criminali, che ha devastato il suo laboratorio. Ma l’uomo, sebbene orribilmente sfigurato, è riuscito a sopravvivere e prepara una tremenda vendetta. Un capolavoro horror-fantasy, diretto con grande virtuosismo e gusto del visionario dal geniale Sam Raimi, che s’ispira a
Il fantasma dell’Opera
e pervade la vicenda di un sottostrato di struggente malinconia. Probabilmente, il migliore dei film realizzati imitando lo stile dei fumetti (anche se, ironicamente, il soggetto non è tratto da un fumetto, ma da un’idea originale dello stesso Raimi).
(andrea tagliacozzo)

La casa

Ashley e Scott decidono di passare il fine settimana assieme a tre ragazze in un cottage isolato in mezzo a una foresta del Michigan. Nella cantina del casolare, cinque giovani trovano il Necronomicon, il libro dei morti, con il quale richiamano involontariamente in vita le anime dannate. Primo straordinario film di Sam Raimi, realizzato con l’irrisoria cifra di 400.000 dollari. Inventivo e virtuosistico, nonostante l’evidente scarsità di mezzi. Gli effetti sono davvero raccapriccianti, anche se il tutto è diluito con una buona dose d’ironia.
(andrea tagliacozzo)

The Messengers

La famiglia Solomon (padre, madre, la figlia adolescente Jess e il piccolo di tre anni, Ben) si trasferisce dalla caotica Chicago in una sperduta fattoria del North Dakota. Un luogo decadente, quasi abbandonato, in cui i Solomon cercano il riscatto dopo anni di avversità. La meno entusiasta sembra essere Jess, ancora legata al ricordo dei vecchi amici.