La terza fossa

Alla morte del marito, un’anziana signora, abituata a vivere nel lusso, si ritrova improvvisamente senza un soldo. Decide quindi di uccidere la propria cameriera per derubarla dei suoi risparmi. Dopo aver fatto fare la stessa fine alla sostituta della defunta, la donna viene però scoperta da una terza governante. Efficace thriller ispirato al fortunato
Che fine ha fatto Baby Jane?
di Robert Aldrich (non a caso il titolo originale significa
Cosa è successo a zia Alice
), nobilitato dalla virtuosistica interpretazione della Page.
(andrea tagliacozzo)

Convoglio verso l’ignoto

Tributo al ruolo della marina mercantile durante la seconda guerra mondiale. Bogart e Massey interpretano due ufficiali, Hale e Levene due marinai, Clark fa la testa calda — come al solito — e la Gordon è la moglie di Massey. Anche in versione colorizzata. Una nomination agli Oscar.

Harold e Maude

Commedia nera imperniata sulla relazione amorosa tra fra il ventenne Cort, ossessionato dal pensiero della morte, e l’arzilla settantanovenne Gordon. Passato sottotraccia all’epoca dell’uscita, col tempo è diventato un film di culto, pietra miliare dello sceneggiatore Colin Higgins. Da non perdere gli esilaranti tentativi di suicidio di Cort. Musica di Cat Stevens.

Lo strano mondo di Daisy Clover

Negli anni Trenta, l’adolescente Daisy Clover viene trasformata in una star del cinema dal cinico produttore Swan. Questi, per poter manipolare l’attrice a suo piacimento, fa internare la madre della ragazza in un manicomio. Quindi fa in modo che Daisy sposi un celebre attore con nascoste tendenze omosessuali. Una delle prove migliori della compianta Natalie Wood in un film ben diretto da Robert Mulligan ma purtroppo poco fortunato al botteghino.
(andrea tagliacozzo)