Il marmittone

L’imbranatissimo e complessato soldato Bisby viene trasferito in un campo di addestramento dove una psicanalista dell’esercito riceve l’incarico di farne un buon militare. Ma Bisby è un caso quasi disperato e, combinando sempre nuovi guai, finisce per diventare il terrore del campo. Una commedia fiacca e poco divertente, nonostante la solita prorompente vis comica di Jerry Lewis. Il film è ispirato a una serie di fumetti sull’esercito create dal disegnatore americano George Baker.
(andrea tagliacozzo)

Il corridoio della paura

Un giornalista si fa internare in un manicomio per investigare su un caso di omicidio avvenuto nell’istituto. Mentre prosegue con le indagini, l’uomo, turbato dall’atmosfera tetra e angosciosa del luogo, rischia di impazzire. Scritto diretto e prodotto da Samuel Fuller, un film d’incredibile impatto emotivo e visivo, allucinata discesa nei meandri della follia umana. La splendida fotografia del film è curata da Stanley Cortez, prezioso collaboratore di Orson Welles in
L’orgoglio degli Amberson
.
(andrea tagliacozzo)

Operazione sottoveste

Durante la seconda Guerra Mondiale, il sommergibile «Sea Tiger», viene danneggiato da un bombordamento. A rimetterlo in sesto, però, ci pensa il suo comandante, con il determinante aiuto di uno scaltro ufficiale di bordo che rimedia a destra e a sinistra i pezzi di ricambio. Una commedia sofisticata dai ritmi praticamente perfetti (la sceneggiatura ottenne la nomination all’Oscar) in cui Cary Grant e Tony Curtis – due attori per certi versi speculari ma separati da circa un paio di generazioni – si cimentano in una personale gara di bravura e simpatia. L’anno precedente, Edwards aveva Curtis l’attore nell’altrettanto brillante
In licenza a Parigi
. Nel cast, compare anche la figlia di Curtis, Jamie Lee, che diventerà famosa molto più tardi.
(andrea tagliacozzo)

La regina del Far West

Un allevatore, trasferitosi assieme alla figlia e alle mandrie in una ricca regione del Montana, trova l’aperta ostilità degli indiani Piedi Neri. In realtà, i pellerossa sono sobillati da un bieco avventuriero che vorrebbe impadronirsi delle terre del mandriano. Un western di routine con Ronald Reagan, futuro Presidente degli Stati Uniti, nel ruolo – improbabile – del figlio del capo indiano. Allan Dwan tornerà a dirigere Barbara Stanwyck l’anno seguente in
L’avventuriero di Burma
.
(andrea tagliacozzo)