Pentimento

Una donna, la cui famiglia è stata distrutta da un dittatore di provincia continua a disseppellirne il cadavere affinché non abbiano pace né lui né la famiglia.

Anche se si svolge in un paese e in un’epoca immaginari, un film politico e poetico al tempo stesso che all’inizio adotta i moduli della favola grottesca con un surrealismo di stampo bunueliano e poi sfocia via via in un dramma che ricorda le antiche tragedie greche. Indimenticabile la sequenza dell’arrivo dei tronchi dalla Siberia sui quali le donne sperano di vedere incisi i messaggi dei deportati.