Catene della colpa, Le

Mitchum scopre di non poter sfuggire alla sua vita precedente quando il suo ex datore di lavoro (un gangster col volto di Douglas) e la sua amante (Greer) lo intrappolano in una rete di omicidio e doppi giochi. Classico esemplare di noir anni Quaranta, in cui spiccano particolarmente i dialoghi. Sceneggiatura di Geoffrey Homes (alias Daniel Mainwaring), tratta dal suo romanzo Build My Gallows High. Il remake è Due vite in gioco. Esiste anche una versione colorizzata.