Vigil

Il primo lungometraggio di Ward è un soggetto che precede Navigator: lo sgradevole resoconto, dalla sceneggiatura povera ma dalla notevole fotografia, dei modi in cui una ragazza reagisce all’arrivo di uno straniero nella fattoria dove vive insieme al padre morente.