L’ultimo samurai

Nathan Algren è ormai un fenomeno da baraccone. Reduce dalla guerra contro gli indiani del generale Custer, va nelle piazze, ubriaco, a dimostrare come si usano i fucili e raccontare di quella guerra. Ma lo richiamano per andare in Giappone ad addestrare i giapponesi all’uso delle armi. L’imperatore, giovane e debole, è stretto tra gli interessi economici di una nuova e spregiudicata classe dirigente e i vecchi samurai. Andrà e cadrà subito prigioniero dopo una battaglia contro gli antichi guerrieri che lui non aveva voluto. Nathan resterà, dall’autunno delle foglie rosse alla primavera fiorita, prigioniero tra le montagne nel villaggio di Katsumoto, ultimo erede di una dinastia di guerrieri, i Samurai. Sarà curato dalla donna, Taka, cui ha ucciso il marito in battaglia, con i figli bambini di quell’uomo e tra i guerrieri che ha combattuto. Ma quegli uomini, che vivono per antichi e gloriosi valori, conquistano piano piano Nathan. Che imparerà a combattere con la spada e con la furbizia e quando dovrà scegliere con chi stare, quando le truppe dell’imperatore saranno pronte per la guerra, non avrà esitazioni. A rischio della vita.
Edward Zwick, autore di Vento di passioni e di Shakespeare in Love, dipinge un grande affresco sul mondo d’onore dei samurai giapponesi. Tema che, ha confessato, lo ha appassionato da sempre, in particolare da quando vide per la prima volta I sette samurai di Kurosawa. Qui, in un magnifico filmone ottocentesco, vengono rievocati quei guerrieri che avevano come principi inflessibili l’onore, la lealtà, la tenacia, il coraggio, il sacrificio, ma anche la poesia e l’arte… E il protagonista è un Tom Cruise in gran forma. Un bellissimo spettacolo, insomma. Un film epico. Con battaglie interiori che si riflettono nelle guerre tra i due diversissimi eserciti. Con spettacolari paesaggi (il film è stato girato prima in Giappone nella piccola città di Himeji poi nella provincia di Taranaki, in Nuova Zelanda, ma anche negli studi di Los Angeles), splendidi costumi (ricostruiti con certosina perfezione) e armi perfette, eccellente fotografia per una storia avvincente e una strepitosa ricostruzione della battaglia finale tra giapponesi americanizzati e samurai (con 600 comparse da una parte e 75 dall’altra). Un po’ Balla coi lupi (che rimane comunque superiore), un po’ kolossal americano in costume, con l’aggiunta di tanta retorica. Quella descritta è un’epoca di transizione: dal Giappone valoroso delle spade e dell’onore all’era industriale dei cannoni, dall’isolamento più o meno felice all’apertura al nuovo mondo. È il passato che si contrappone al futuro. L’onore al business. Il mondo arcaico alle premesse della globalizzazione. Cruise, anche produttore del film, si è «allenato» otto mesi prima di cominciare a girare: ha consultato molti testi sui samurai, ha studiato la lingua giapponese e ha imparato il Kendo, il combattimento con la spada, e altre arti marziali giapponesi (e il suo maestro è lo stesso che ha istruito Russel Crowe per Il gladiatore e Mel Gibson per Braveheart). «Non solo dovevo andare a cavallo – ha dichiarato Cruise – ma anche combattere mentre ero in sella…». Un impegno, peraltro consueto per Tom Cruise, che lo mette in lizza per l’Oscar visto che l’interprete di Eyes Wide Shut ha collezionato molte nomination ma mai una statuetta dell’Academy. Per L’ultimo samurai, comunque, si è già aggiudicato la nomination come miglior attore protagonista per i Golden Globe (altre due per la regia e per Ken Watanabe come miglior attore non protagonista). Perfetto anche il resto del cast con Watanabe, nella parte del capo dei samurai, e la bella Koyuki nella parte di Taka, una delle attrici giapponesi di maggior successo oggi. Simpatico e azzeccato Timothy Spall nel ruolo di Simon Graham, il fotografo inglese. Tra le curiosità: la produzione si è servita di una troupe di professionisti giapponesi di alto livello specializzati proprio in pellicole sui samurai. Per la battaglia finale è stata addirittura spianata una collinetta per ampliare il campo. Ottanta persone si sono occupate per 14 mesi della confezione del guardaroba per un totale di 2000 costumi. L’ideogramma (mai tradotto) che il figlio di Taka consegna come regalo a Nathan significa «bushido», ovvero «la via del guerriero». (d.c.i)

Il sesto giorno

Adam Gibson è un uomo come tanti altri, con tanto di famiglia a carico, un passato nell’aeronautica militare, una serie di decorazioni e una piccola società che noleggia elicotteri. Tutto filerebbe liscio se Adam non dovesse improvvisamente fare i conti con un perfetto sosia che si è inserito nella sua vita. Quando scopre che il suo «doppio» altro non è che un clone illegale messo in circolazione da un miliardario senza scrupoli a capo della Replacement Technologies, Gibson torna all’azione che gli è più congeniale, eliminando uno dopo l’altro avversari riproducibili all’infinito. Due Schwarzy al prezzo di uno. Sembrerebbe allettante l’offerta de Il sesto giorno, se un film del genere non l’avessimo già visto troppe volte (
Atto di forza, Terminator e Terminator 2
, solo per citare i film con Schwarzenegger. E naturalmente
Screamers
e
Face/Off
). Peccato che in questa operazione di stanco riciclaggio si sia fatto coinvolgere un regista (e soprattutto ex montatore) un tempo bravo come Roger Spottiswoode (
Sotto tiro
e
Sulle tracce dell’assassino
, ma anche uno dei tanti 007 dell’ultima generazione,
Il domani non muore mai
), che ha evidentemente deciso di dedicarsi al reparto confezioni. Il vero guaio è che Il sesto giorno non lascia a desiderare solo in fatto di originalità, ma anche per quel che concerne il ritmo e la concatenazione degli eventi. Insomma, è noioso, pasticciato e banale.

Il tema della clonazione, qui, è ben lontano dall’insinuare autentiche inquietudini identitarie: serve solo a dare spessore a un banalissimo intrigo avventuroso che in fondo potrebbe persino prescindere dalla fantascienza, dalle preoccupazioni legate alla biogenetica e persino dall’impiego massiccio e sprecato di tecnologia avanzata e computer graphic. Sulla clonazione, dopotutto, continuiamo a preferire
Jurassic Park
e
Mi sdoppio in quattro
, mentre in materia di futuro, nonostante qualche ostentazione colta (il protagonista si chiama Gibson, come il più noto autore di letteratura cyberpunk), occorrerà puntare su formule più austere e – possibilmente – meno movimentate. Magari senza scomodare Philip K. Dick e David Cronenberg. Al pur simpatico Arnold Schwarzenegger, impegnatissimo a riciclarsi, consigliamo invece di usare più il cervello dei muscoli o delle macchine da guerra. Quanto a Spottiswoode…
(anton giulio mancino)

Tarzan

Esuberante ripresa Disney del classico eroe di Edgar Rice Burroughs, con messa in scena brillante, favolose canzoni (di Phil Collins) e personaggi piacevoli (soprattutto Jane, alla quale la Driver presta, nella versione originale, una voce divertente e vivace). La sceneggiatura, che riguarda un cacciatore avido e esaltato, appare troppo convenzionale e prevedibile se confrontata a tutte le innovazioni visive e alle pregevoli creazioni che la circondano. Oscar alla miglior canzone, You’ll Be in My Heart. Ha generato un sequel, uscito direttamente in homevideo, e una serie televisiva.

Bounce

Premessa: è passata solo una settimana dal terribile attentato terroristico alle Torri Gemelle di New York, allora forse non era il caso di rinviare l’uscita di un film, la cui prima scena è un aereo che passa radente la skyline dei grattaceli di Chicago e la cui storia è basata su un incidente aereo, con 218 morti? A parte questo scivolone di cattivo gusto, che ha fatto rumoreggiare la sala cinematografica,
Bounce
si presenta come la commedia sentimentale di successo in questo fine 2001. La coppia Affleck-Paltrow, per anni teneri amanti e oggi affettuosi amici, sorregge un film forse un po’ banale e scontato in alcuni passaggi, ma sempre piacevole. Un pubblicitario di successo e una giovane vedova-madre si innamorano. Però, solo uno dei due sa che non si è trattato di un caso.
(andrea amato)

Ghost – Fantasma

Ghost

mame cinema GHOST - STASERA IN TV L’INTRAMONTABILE FILM vaso
La scena madre del film

New York, 1990. Sam e Molly (Patrick Swayze e Demi Moore) sono una coppia affiatata che ha appena cominciato a convivere insieme. Dopo una serata a teatro, un ladro li segue e li aggredisce, causando la morte di Sam. Tuttavia, lo spirito dell’uomo resta accanto alla fidanzata, facendosi aiutare da una donna che è in grado di udirlo, Oda (Whoopi Goldberg). Sam imparerà quindi a vivere tra la sua dimensione e quella dei vivi, in attesa di fare giustizia sul proprio omicidio e congedarsi definitivamente dalla donna amata. Questa è la trama di Ghost, il film che ha commosso generazioni di spettatori.

Attenzione: la visione di questo film è consigliata agli adulti e ai bambini accompagnati. Il film è diretto da Jerry Zucker.

Un grande successo

mame cinema GHOST - STASERA IN TV L’INTRAMONTABILE FILM cast
Il cast di Ghost

Ghost ha ottenuto un inaspettato successo. La colonna sonora del film ormai è entrata nella cultura musicale popolare, soprattutto grazie alla canzone Unchained Melody. Essa infatti è il tema principale del film ed è stata composta da Alex North e Hy Zaret nel 1955. Il brano è stato poi reso noto dai The Righteous Brothers nel 1965. E, ovviamente, il film contribuì a diffonderlo ulteriormente. La colonna sonora della pellicola, curata da Maurice Jarre, ottenne una nomination agli Oscar.

Il film ha ottenuto altri riconoscimenti importanti. Infatti, Whoopi Goldberg ha vinto il premio Oscar come Miglior attrice non protagonista e Bruce Joel Rubin quello per la Migliore sceneggiatura originale. La Goldberg ha ricevuto anche un Golden Globe, sempre come Miglior attrice non protagonista. Patrick Swayze e Demi Moore, invece, sono stati nominati, ma senza essere premiati.

Curiosità

  • Il film incassò 506 milioni di dollari circa in tutto il mondo.
  • La colonna sonora di Ghost perse l’Oscar in favore di quella di Balla coi lupi, a cura di John Barry.
  • Fu proprio Patrick Swayze a suggerire Whoopi Goldberg come membro del cast, essendo un suo grande ammiratore.
  • La scena del bacio tra Sam e Molly viene citata nell’episodio Rubare la prima base de I Simpson.
  • Nel 2013 è stata prodotta la trasposizione teatrale italiana della pellicola: Ghost Il Musical.