Rogue One: A Star Wars Story

Rogue One: A Star Wars Story

mame cinema ROGUE ONE A STAR WARS STORY - STASERA IN TV scena
Una scena del film

Diretto da Gareth Edwards, Rogue One: A Star Wars Story (2016) è il primo capitolo della serie Anthology, cioè film a sé stanti ambientati nel mondo di Star Wars. La trama ha inizio con le vicende dello scienziato Galen Erso (Mads Mikkelsen), il quale si è ritirato sul pianeta Lah’mu insieme alla moglie Lyra (Valene Kane) e alla figlia Jyn (Felicity Jones). Ma per Erso i problemi devono ancora arrivare. viene infatti raggiunto dal Direttore Imperiale Orson Krennic (Ben Mendelsohn), il quale uccide Lyra e costringe lo scienziato a completare la progettazione della Morte Nera. Jyn riesce a scappare da Lah’mu, ma diventerà una figura chiave nella lotta tra i ribelli e l’Impero.

Quale delle due fazioni, quindi, avrà la meglio? Riuscirà Jyn a riabbracciare suo padre senza che nessuno dei due corra pericoli? E, soprattutto, che ruolo avrà in tutto questo la Morte Nera?

Curiosità

  • La pellicola è stata scritta da Chris Weitz e Tony Gilroy, grazie a un’idea del supervisore agli effetti speciali John Knoll.
  • Il film è stato accolto positivamente dalla critica cinematografica, che ha lodato in particolar modo la regia e le interpretazioni del cast, e ha incassato più di $1 miliardo in tutto il mondo, diventando il secondo maggiore incasso mondiale del 2016 e il maggiore incasso nel Nord America del 2016.
  • Genevieve O’ReillyJimmy Smits e Anthony Daniels riprendono i rispettivi ruoli di Mon Mothma, Bail Organa e C-3PO dai precedenti film. James Earl Jones torna inoltre a dar voce a Darth Vader. Egli è interpretato sul set da Spencer Wilding e Daniel Naprous.
  • Guy Henry e Ingvild Deila sono stati usati come controfigure sul set per i personaggi di Tarkin e di Leia. Essi sono stati ricreati infatti digitalmente sulla base delle fattezze di Peter Cushing e Carrie Fisher da giovane.
  • Nel gennaio 2015 The Hollywood Reporter annuncia che diverse attrici, tra cui Tatiana MaslanyRooney Mara e Felicity Jones, potrebbero interpretare la protagonista del film. E nel marzo dello stesso anno viene infine scelta la Jones.
  • Le riprese principali del film cominciano l’8 agosto 2015 agli Elstree Studios, nell’Hertfordshire. Il film è stato girato usando macchine da presa Arri Alexa 65 con lenti Ultra Panavision 70. Ulteriori riprese si sono svolte in diverse parti del mondo, tra cui l’atollo Laamu alle Maldive, in Islanda e in Giordania.
  • La colonna sonora del film è composta da Michael GiacchinoRogue One è la prima pellicola in live-action della saga di Star Wars a non avvalersi delle musiche di John Williams.

Star Wars: The Clone Wars

In questo nuovo episodio, il primo animato della saga di Star Wars, si narra della guerra dei cloni che ha luogo tra le vicende narrate nell’episodio II – L’attaccodei Cloni – e l’episodio III – La vendetta dei Sith. I personaggi di questa nuova avventura sono dunque già noti: il giovane e ribelle Anakin Skywalker e la bella regina Padme Amidala, un Obi-Wan Kenobi non ancora vecchio e canuto, il saggio maestro Yoda e gli inseparabili robot R2-D2 (o C1-P8, come dir si voglia) e C-3PO, insieme a nuove figure come Ahsoka, allieva di Anakin.

Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…I cavalieri Jedi Anakin Skywalker e Obi-Wan Kenobi liberano il cancelliere Palpatine, ostaggio del malvagio generale Grevious. Accolto da eroe al suo ritorno a casa, Anakin si trova a fare i conti con la doppia vita sin lì condotta. Da un lato è infatti un valoroso Jedi, dall’altro è segretamente sposato alla bellissima Padmé Amidala. Quest’ultima è incinta e una notte Anakin sogna la sua morte durante l’imminente parto. Facendo leva sulla paura di Anakin di perdere l’amatissima moglie, Palpatine gli rivela il lato oscuro della Forza. L’unico che, secondo l’ambiguo cancelliere, gli permetterebbe di salvare la vita a Padmé.

La vendetta dei Sith, terzo e ultimo prequel della saga di
Guerre stellari,
è l’episodio migliore fra quelli che raccontano gli antefatti della saga iniziata nel 1977. Se in
La minaccia fantasma
Lucas aveva puntato più sugli effetti speciali che sulla sceneggiatura e ne
L’attacco dei cloni,
girato dopo l’11 settembre, aveva inserito chiare allusioni alla situazione politica mondiale, in questo terzo episodio le vicende dei protagonisti della saga tornano al centro del film, così come nella prima trilogia. «Tutti i pezzi vanno a posto, consentendo di fare tutti i collegamenti», ha detto a ragione il regista. La vendetta dei Sith è anche il prequel che verrà maggiormente apprezzato dai fan della prima trilogia, che scopriranno come e perché il prode Anakin Skywalker, vinto dal lato oscuro della Forza, si trasforma nel malvagio Dart Fener. È proprio la Forza (definita da Paolo Mereghetti una «sorta di aggiornamento hollywoodiano delle filosofie sull’élan vital di Bergson e l’inconscio collettivo junghiano, mescolato con influenze orientali e suggestioni cavalleresche e medievali») il vero protagonista del film, motore delle azioni dei personaggi in grado di utilizzarla. Da molti punti di vista, sostiene ancora a ragione Lucas, gli eventi raccontati nel film modificheranno l’idea che il pubblico si è fatta della storia narrata nella prima trilogia. «Riguardare tutta la serie – ha detto ancora il regista – sarà un’esperienza completamente differente». Ma anche chi non vorrà passare ore e ore davanti allo schermo, ci permettiamo di aggiungere noi, difficilmente rimarrà deluso dal sesto e ultimo episodio.