Batman

Versione ultramiliardaria (sia per costi che per incassi) delle avventure del celebre personaggio dei fumetti creato da Bob Kane. A Gotham City, il miliardario Bruce Wayne, sotto le inquietanti e mascherate spoglie di Batman (l’uomo pipistrello), si erge a paladino della giustizia combattendo contro ogni genere di criminali. Il più pericoloso di questi è l’ironico ma diabolico Joker. L’impianto visivo orchestrato da Burton (e dallo scenografo Anton Furst, premiato con l’Oscar) è a dir poco affascinante, ma il film risulta piuttosto statico (quasi un pachiderma incapace di sollevarsi), ravvivato di tanto in tanto dai guizzi dell’istrionico Jack Nicholson. Tim Burton si farà ampiamente perdonare con il sequel, lo splendido
Batman, il ritorno
. Da dimenticare, invece, gli episodi successivi diretti da Joel Schumacher.
(andrea tagliacozzo)

Guardia del corpo

Una guardia del corpo viene assunta per proteggere una star della musica, ma finisce per innamorarsene. Artificiosa vetrina per due stelle di Hollywood, punta a compiacere il pubblico in ogni modo, a volte scivolando nel kitsch. Solido debutto cinematografico per la Houston, che canta I Will Always Love You meglio di Dolly Parton, interprete originale. La sceneggiatura di Lawrence Kasdan è stata scritta diversi anni prima della realizzazione del film, e il ruolo di bodyguard era stato pensato per Steve McQueen! A Hong Kong ne è stato prodotto un remake (The Defender) nel 1994, con Jet Li nei panni della guardia del corpo. Due nomination per le musiche.

Bull Durham

Un’appassionata di baseball all’inizio di ogni stagione sceglie un giovane campione, il migliore della squadretta dei dilettanti dei Durham Bulls, per allenarlo a modo suo allo sport, alla poesia e soprattutto all’amore. Quando all’orizzonte si presenta il promettente «Nuke» non ha esitazioni: sarà lui il prescelto. Una divertente e intelligente commedia sullo sport preferito dagli americani, diretto da un esperto del genere e interpretato da un trio d’attori in grande forma. Particolarmente credibile nel ruolo Kevin Costner, che ha un passato da giocatore dilettante. Tim Robbins (all’epoca ancora poco conosciuto) e Susan Sarandon diventeranno marito e moglie. Costner tornerà sull’argomento nel seguente
L’uomo dei sogni
e, undici anni più tardi, nel bellissimo
Gioco d’amore
di Sam Raimi.
(andrea tagliacozzo)