Le figlie di Dracula

Dopo la morte dei genitori, le gemelle Frieda e Maria si trasferiscono, presso gli zii, in una cittadina della Germania dominata dal castello di un giovane conte e dalla sua dissoluta confraternita. Incuriosita, Frieda fa in modo d’incontrare il conte che la inizia al vampirismo. Divertente produzione della Hammer, il film ispirò alla rivista «Playboy» l’uso delle playmate gemelle. Troppo spesso impiegato in produzioni di serie B, Peter Cushing tornò alla ribalta nel ’77 interpretando il bieco generale di
Guerre Stellari.
(andrea tagliacozzo)

La mummia

Rifacimento, con numerose variazioni, di un classico interpretato nel 1934 da Boris Karloff. In Egitto, nonostante gli ammonimenti di un indigeno, tre archeologi inglesi penetrano nella tomba della principessa Arnanka, sacerdotessa del dio Kranach. Tornati in Inghilterra, uno dei tre impazzisce, mentre gli altri due devono sfuggire alla vendetta di una mummia, riportata in vita dall’indigeno. Grandi atmosfere, tipiche della Hammer (la casa di produzione inglese esperta in horror). Sullo stesso tema tornerà Stephen Sommers nel ’99 per realizzare una sua versione – più avventurosa e mono orrorifica – de
La mummia.
(andrea tagliacozzo)

Frustrazione

Seguito de L’abominevole dottor Phibes, diretto l’anno precedente dallo stesso Robert Fuest. Resuscitato dopo tre anni di catalessi, il dottor Phibes arriva in Egitto alla ricerca del Fiume della Vita, unico mezzo in grado di far risorgere dal sonno eterno l’amata consorte. Ma anche Darius, che da secoli sopravvive grazie a un magico elisir, ne ha un disperato bisogno. Lo scontro tra i due è inevitabile. Decisamente inferiore al precedente, il film si lascia vedere per la carismatica presenza di Vincent Price.
(andrea tagliacozzo)