Salvate la tigre

Una sceneggiatura pretenziosa di Steve Shagan per la storia di un industriale tessile che cerca di riconciliare l’adorazione della sua infanzia con le degradazioni cui si sottomette nel mondo degli affari. Il film pretende di essere totalmente onesto, ma non è così genuino; David ha le scene migliori nel ruolo di un piromane professionista. Lemmon ha vinto l’Oscar come migliore attore. 

Agente 007 – Una cascata di diamanti

Settimo film della serie. Indagando su un misterioso traffico di diamanti, l’agente 007 scopre un’ ingente quantità di preziosi rubati, usata per la costruzione di un satellite destinato a distruggere l’armamento nucleare delle grandi potenze. Sean Connery torna temporaneamente nei panni di James Bond, dopo il fallimento (almeno secondo il botteghino) di George Lazenby in
Al servizio segreto di sua maestà
. Per l’attore si tratta decisamente di un buon ritorno, anche se Connery, oltre ai soliti marchingegni, cominciava ad aver bisogno del parrucchino.
(andrea tagliacozzo)

Senza esclusione di colpi

L’aitante pilota militare statunitense Frank Dux, addestrato dal giapponese Tanaka alla pratica delle arti marziali, vorrebbe partecipare all’annuale torneo di Kumité che si tiene a Hong Kong. Nonostante il superiore gli abbia negato il permesso, l’americano approfitta di una licenza per recarsi in Oriente ed iscriversi alla gara. Non male nel suo genere, anche se lontano dai modelli di Hong Kong ai quali chiaramente si ispira. Non a caso per i suoi film migliori – Maximum Risk e Double Team – Van Damme si rivolgerà in seguito a due registi dell’ex colonia inglese, Ringo Lam e Tsui Hark. (andrea tagliacozzo)