Wittgenstein

Su uno sfondo nero, il piccolo Ludwig Wittgenstein racconta la propria storia e la propria filosofia. Lo contraddice un alieno verde, e lo accompagnano il suo allievo-amante Johnny Barnes, Bertrand Russell e John Maynard Keynes. Grande humour, sopraffina intelligenza, momenti di grande intensità emotiva e intellettuale. Girato completamente in studio per la tv inglese in 12 giorni, uno dei rari incontri felici tra cinema e filosofia, o meglio tra un film e un filosofo. Con ironia costante e arditezze mutuate dal teatro (e che il cinema non si permette più), Jarman costruisce un bellissimo anti-biopic. Pieno di trovate di messinscena, assolutamente non banale nella rappresentazione cinematografica di un pensiero, continuamente auto-smascherantesi come finzione, il film mostra una bizzarra consonanza con le teorie del secondo Wittgenstein, quello che ormai pensava al linguaggio come una «scatola di attrezzi» o come una «forma di vita». Due definizioni che in fondo valgono anche per il cinema. (emiliano morreale)

Il mistero di Sleepy Hollow

Il mistero di Sleepy Hollow

mame cinema IL MISTERO DI SLEEPY HOLLOW - STASERA IN TV scena
Una scena del film

Diretto dal famoso regista Tim Burton, Il mistero di Sleepy Hollow (1999) è ambientato nel 1799. Il giovane agente di polizia Ichabod Crane (Johhny Depp) viene inviato da New York a un piccolo villaggio di Campagna, Sleepy Hollow. Lì, infatti, sono state uccise tre persone e le loro teste sono scomparse. Lì Ichabod conosce la graziosa Katrina Van Tassel (Christina Ricci), che lo aiuterà nelle indagini. Le autorità del villaggio, inoltre, raccontano all’investigatore la storia del Cavaliere Senza Testa, un mercenario dell’Assia diventato famoso per la sua abilità nel decapitare i nemici. Una volta catturato, anche al Cavaliere è stata mozzata la testa e il suo corpo è stato sepolto nei boschi del villaggio.

Adesso, però, sembra che il Cavaliere sia risorto, tornando a seminare il terrore e a spargere sangue. Ma perché uccide? Che senso hanno questi omicidi? Quali sono i veri scopi dell’assassino? E, soprattutto, esiste un modo per fermarlo?

Curiosità

  • Come nel caso di Edward mani di forbice, Depp fu la prima scelta di Burton per la parte, benché fosse chiesto al regista di esaminare altre opzioni prima di ingaggiarlo. Fu offerto Brad Pitt per il ruolo, mentre Liam Neeson e Daniel Day-Lewis furono presi in considerazione. Burton fu alla fine capace di persuadere lo studio per Depp. Voleva inoltre ingaggiare Christina Ricci per il ruolo di Katrina, perché gli ricordava una romanzesca figlia di Peter Lorre e Bette Davis.
  • Nel ruolo del Cavaliere senza testa Burton scelse Christopher Walken, che già aveva diretto in Batman – Il ritorno. Inoltre, Burton volle nel cast anche Michael Gough che aveva precedentemente lavorato con lui in Batman e in Batman – Il ritorno. Durante il casting di Il Mistero di Sleepy Hollow, Gough era deciso ad andare in pensione, ma Burton lo persuase di unirsi al cast.
  • Christopher LeeMartin Landau (precedentemente vincitore di un Premio Oscar nel film di Tim Burton Ed Wood) e la poi fidanzata di Burton Lisa Marie sono tutti inseriti come cammei.
  • Il cast e lo staff hanno spesso detto che “La sensazione che si aveva camminando per i set di Sleepy Hollow, particolarmente nella città di Lime Tree, era quasi come se stessi camminando all’interno della testa di Burton”.
  • Con un budget stimato in 100 milioni di dollari, il film ha incassato 101 071 502 $ in Nord America e 206 071 502 $ a livello globale.

Il fantasma dell’Opera

Un compositore, orrendamente sfigurato in volto, cerca d’impedire la rappresentazione di un’opera di sua creazione,
Giovanna d’Arco
, che viene ingiustamente attribuita a un autore senza scrupoli. Terza versione cinematografica della nota storia di Gaston Leroux (la prima, con Lon Chaney, risale al 1925) questa volta realizzata con un budget piuttosto considerevole dalla Hammer, casa di produzione inglese specializzata in horror. Più elaborato rispetto ad altri prodotti della stessa compagnia, il film comunque offre pochi momenti di vero terrore.
(andrea tagliacozzo)