Il lungo duello

Nell’India colonizzata dall’Impero britannico, il capitano della polizia inglese fa imprigionare tutti i componenti della tribù nomade dei Banta. Liberati dal loro capo, l’intrepido principe Sultan, i ribelli trovano rifugio tra le montagne. Una pellicola d’avventura non troppo originale, che comunque si lascia vedere senza tediare lo spettatore. Regia e interpretazioni di routine.
(andrea tagliacozzo)

Colpo grosso alla napoletana

In Italia, cinque squattrinati sequestrano Don Cesare, ex boss della malavita di Chicago. Quest’ultimo, che non è affatto ricchissimo come speravano i suoi rapitori, si mette alla testa della banda per rubare un preziosissimo carico di platino. Una volta compiuto il colpo, rapinatori e bottino partono per il Messico a bordo di un aereo. Innocua commediola: si vede con piacere (soprattutto per merito di alcuni bravi attori di contorno) e si dimentica in fretta. (andrea tagliacozzo)

Robin Hood e i compagni della foresta

Le gesta del celebre arciere di Sherwood realizzate con un notevole impegno produttivo dalla Disney. Approfittando dell’assenza del fratello Riccardo Cuor di Leone, partito per le crociate, il bieco Giovanni usurpa il trono d’Inghilterra. Contro il tiranno si levano però le spade di Robin Hood e dei suoi amici. Il film perde il confronto con il classico interpretato nel 1946 da Errol Flynn, ma è comunque divertente e ben fatto. Due anni più tardi, Richard Todd interpreterà il ruolo di un altro leggendario fuorilegge in Rob Roy, il bandito di Scozia (anche in questo caso per la Disney). (andrea tagliacozzo)

Buona fortuna Maggiore Bradbury

Scialbo racconto su un coraggioso ragazzo rapito (Ando) e sul suo tutore inglese (Niven). Dal momento che il sequestrato è il figlio dell’ambasciatore giapponese (Mifune), Niven coglie l’occasione di mettere in scena molte delle sue storie di atti eroici che hanno impressionato il giovane. Le tiepide sequenze d’azione, che includono terrorismo politico e astuzie in stile Disney, rovinano completamente il procedere della vicenda. Panavision.