Il favoloso mondo di Amélie

Il favoloso mondo di Amélie

mame cinema IL FAVOLOSO MONDO DI AMÉLIE - STASERA IN TV bar
Audrey Tautou è Amélie Poulain

Una giovane cameriera che lavora a Montmartre, Amélie Poulain, è la protagonista de Il favoloso mondo di Amélie. La interpreta Audrey Tautou, nota attrice francese. La vita della ragazza trascorre senza particolari emozioni o avventure, finché, nel giorno della morte di Lady Diana, trova per caso una scatoletta nascosta dietro una piastrella, nel suo appartamento. All’interno trova giocattoli e altri oggetti, probabilmente appartenuti a un bambino che viveva lì tempo prima. Di conseguenza, Amélie decide di cercare il proprietario della scatola, scatenando una serie di eventi che daranno una svolta alla sua vita.

Produzione

mame cinema IL FAVOLOSO MONDO DI AMÉLIE - STASERA IN TV café
Il Café des 2 Moulins

Il regista Jean-Pierre Jeunet non ha solo diretto Il favoloso mondo di Amélie: lo ha anche ideato e scritto. Innanzitutto, però, Jeunet intendeva affidare il ruolo della protagonista all’attrice inglese Emily Watson. Nello script originario, infatti, la cameriera era una ragazza inglese, non francese. Tuttavia, la Watson trovò difficile recitare in francese, perciò il ruolo passò ad Audrey Tautou.

Le scene d’interni sono state girate ai Coloneum Studio di Colonia, Germania. Quelle in esterno, invece, sono state girate quasi tutte a Parigi. C’è solo un’eccezione: le sequenze ambientate nella casa del padre di Amélie hanno come location Eaubonne, un paese a pochi chilometri dalla capitale francese. Le stazioni ferroviarie che si vedono nel film sono: Gare de Paris Nord, Gare de Paris Est e Gare de Paris Lyon.

Inoltre, il Café des 2 Moulin, il locale dove lavora Amélie, esiste davvero. Di conseguenza, è stato scelto per le riprese del film. Dopo l’uscita della pellicola nelle sale cinematografiche, il Café des 2 Moulins è diventato una delle mete parigine più visitate e frequentate.

Un grande successo

Il favoloso mondo di Amélie uscì nei cinema in Francia il 25 aprile 2001 e fu subito un grande successo. Oltre 8 milioni di spettatori andarono a vederlo, con un incasso totale superiore ai 40 milioni di euro. In questo mondo, il film riuscì a battere la concorrenza dei kolossal americani e a diventare il più visto dell’anno. Arrivò in Italia il 25 gennaio 2002, con un altro grande e clamoroso successo.

La rivista cinematografica Empire ha messo Il favoloso mondo di Amélie al secondo posto nella classifica The 100 Best Film Of World Cinema, cioè una classifica dei migliori film del mondo in lingua non inglese. Un capolavoro, dunque, tutto europeo.

Delicatessen

Una commedia post-apocalittica su un padrone di casa che affetta gli esseri umani in tranci da dare in pasto ai suoi voraci inquilini. Quantomeno si tratta della più originale e divertente commedia sul cannibalismo nella storia del cinema. La colorazione seppiata, che altrove sarebbe stata ritenuta un errore di post-produzione, contribuisce qui al particolare stile visivo del film. Il co-regista Caro è Fox, uno dei trogloditi. Con una “presentazione” di Terry Gilliam.

L’esplosivo piano di Bazil

Una mina esplode in mezzo al deserto del Marocco e, qualche anno dopo, un proiettile vagante gli si conficca nel cervello… Bazil non ha grande fortuna con le armi: la prima l’ha reso orfano, la seconda avrebbe potuto ucciderlo all’istante. Quando viene dimesso dall’ospedale, Bazil viene adottato da una banda di feroci rigattieri, dai talenti e dalle aspirazioni tanto sorprendenti quanto diversificati, che vivono in una sorta di caverna di Ali Babà. Un giorno, passeggiando accanto a due enormi edifici, Bazil riconosce il logo dei fabbricanti di armi, che hanno causato tutte le sue sofferenze e, aiutato dalla fedele combriccola di strambi compagni, decide di prepararsi per la vendetta. Soli contro tutti – perdenti che lottano contro spietati giganti industriali – rivivono, con un’immaginazione e una fantasia degne di Buster Keaton, la celebre battaglia di Davide contro Golia…