Un eroe fatto in casa

Sciocca commediola per la quale Wayans (anche co-sceneggiatore) si trasforma in un supereroe che combatte il crimine nella grande città: ma non dispone di superpoteri, solo di alcuni fantastici gadget inventati da lui. Piacerà ai bambini di cinque anni, ma solo a quelli senza troppe pretese.

Mosquito Coast

Le vicende irresistibili e romanzate di un inventore iconoclasta e idealista (Ford in una interpretazione eccezionale) che porta la sua famiglia in un remoto villaggio dell’America centrale per creare la sua incredibile utopia… e giocare a fare Dio. Non per tutti, dato il personaggio insopportabile di Ford (anche se è ancora più insopportabile nel romanzo di Paul Schrader). Pellicola seria ed emozionalmente coinvolgente. Due nomination ai Golden Globes.

Il gobbo di Notre-Dame

Storia intensamente drammatica e coinvolgente sul patetico e sottomesso Quasimodo, sul suo malvagio guardiano Frollo e sulla sola persona che gli dimostra gentilezza, la zingara Esmeralda. La scelta della Disney più strana di tutti i tempi per una favola animata che si presenta sorprendentemente bene: disegnata con cura, rappresentata con dinamismo, con canzoni che (anche se non memorabili) lavorano all’interno della struttura della storia. Gli intermezzi comici, che coinvolgono i tre amici “gargoyle” di Quasimodo, appaiono comunque forzati. Con un sequel, passato direttamente in homevideo.

Teste di cono

Commedia sorprendentemente bonaria (e divertente) basata sugli skatches del Saturday Night Live degli anni Settanta. Dal pianeta Remulak, le Teste di cono giungono sulla Terra durante una sgangherata missione, e sorprendentemente si adattano alla vita borghese urbana. Un film per famiglie davvero divertente, che combina assurdità e inattese battute intelligenti. Divertenti cammei di un gruppo di star del Saturday Night Live, sia presenti che del passato. Attenzione a Drew Carey nel taxi. Aykroyd è anche co-sceneggiatore.

Pretty Woman – Una ragazza deliziosa

Una bella e giovane prostituta di Los Angeles, raccolta dalla strada da un affascinante finanziere tormentato da non pochi dubbi esistenziali, trascorre con lui un’intera settimana nelle suite di un grande albergo. La spontaneità della ragazza finisce per riportare il sorriso sul volto del suo ricco ospitante. Una gradevole favoletta, confezionata con abilità e furbizia, ma terribilmente scontata, specialmente nel finale. Primo grande successo della Roberts, molto fresca e spontanea, che venne candidata all’Oscar (la statuetta andò poi a Kathy Bates, la psicopatica di
Misery non deve morire
).
(andrea tagliacozzo)