La regina delle piramidi

La storia della spettacolare edificazione della piramide voluta dal faraone Cheope dopo la vittoria sulle tribù Kushite. Al grande architetto Vashtar, scelto fra i prigionieri di guerra, viene promessa la libertà come ricompensa per la realizzazione del progetto. Film minore di Howard Hawks, non troppo a suo agio con un soggetto e un impianto da kolossal forse più adatto a un DeMille. L’approccio, comunque, è assai personale: lo stile e le tematiche di Hawks in alcuni punti sono facilmente riconoscibili. Il copione del film è stato scritto, tra gli altri, dal celebre scrittore William Faulkner.
(andrea tagliacozzo)

Robin Hood e i compagni della foresta

Le gesta del celebre arciere di Sherwood realizzate con un notevole impegno produttivo dalla Disney. Approfittando dell’assenza del fratello Riccardo Cuor di Leone, partito per le crociate, il bieco Giovanni usurpa il trono d’Inghilterra. Contro il tiranno si levano però le spade di Robin Hood e dei suoi amici. Il film perde il confronto con il classico interpretato nel 1946 da Errol Flynn, ma è comunque divertente e ben fatto. Due anni più tardi, Richard Todd interpreterà il ruolo di un altro leggendario fuorilegge in Rob Roy, il bandito di Scozia (anche in questo caso per la Disney). (andrea tagliacozzo)

Moby Dick, la balena bianca

Trasposizione cinematografica – la terza, dopo il muto
Sea Beast
del 1926 e
Moby Dick, il mostro bianco
del 1930 – dell’omonimo romanzo di Herman Melville. È la storia del capitano Achab, comandante del peschereccio Pequod, e della sua ossessionata caccia a Moby Dick, la gigantesca balena bianca che lo aveva reso invalido a una gamba. Un film imperfetto, ma ricco di straordinarie sequenze. Gregory Peck è un Achab credibile, anche se Orson Welles gli ruba la scena nei panni di Padre Mapple.
(andrea tagliacozzo)