Good Night And Good Luck

Usa, anni ’50. Edward Murrow (David Strathairn) è un giornalista televisivo della CBS e conduce con successo due programmi di approfondimento, usando come frase di chiusura «Good Night, And Good Luck». È affiancato dal produttore Fred Friendly (George Clooney), assieme al quale ricerca sempre notizie di rilievo. Murrow si appassiona alla disavventura del pilota della marina Milo Radulovich, che viene radiato senza un giusto processo con l’accusa di promuovere attività antiamericane. Nasce così lo scontro tra il giornalista e il presunto responsabile di questa persecuzione e del clima di sospetto imperante nella società del tempo: il senatore Joseph McCarthy, capo del Comitato Parlamentare per le Attività Antiamericane e particolarmente accanito nei confronti delle presunte attività sovversive messe in atto da cittadini in odore di comunismo. Molte saranno le pressioni e le difficoltà che l’intera redazione dell’emittente televisiva dovrà affrontare. Alcuni crolleranno ma altri, forti delle proprie convinzioni, lotteranno fino alla fine per affermare le proprie idee.

Dopo il debutto alla regia con

Confessioni di una mente pericolosa,
George Clooney confeziona un film impegnato e visivamente raffinato. Immersa in un elegante bianco e nero, la pellicola scorre nel mondo del giornalismo e dentro gli intricati conflitti dell’animo umano, raccontando la storia di un uomo che cerca di non tradire se stesso e i dettami della propria professione. Con l’uso prediletto del primo piano e una fotografia volutamente documentaristica, l’occhio di Clooney porta lo spettatore nelle riunioni di redazione, mostrando gli slanci emotivi dei giornalisti e le incognite nelle loro scelte. Discute temi delicati: critica la politica statunitense passata (e indirettamente quella attuale) che in più di un’occasione calpestò i diritti civili dei suoi cittadini instaurando un clima intollerante e di sospetto. Ma anche l’uso del mezzo televisivo inteso unicamente come mezzo d’intrattenimento anziché come fonte d’informazione e stimolo di riflessione. Lo stesso Clooney fornisce un’eccellente prova d’interpretazione davanti alla macchina da presa e in quest’opera si supera anche nel ruolo di regista. Il resto del cast non è da meno, da Robert Downey Jr a Jeff Daniels, ma su tutti brilla l’intensità drammatica di David Strathairm (Edward Murrow), che dà vita ad un personaggio carismatico che riesce a comunicare anche attraverso i suoi silenzi.
(mario vanni degli onesti)

Frost/Nixon – Il duello

Nell’estate del 1977, le interviste televisive di David Frost a Richard Nixon riscossero il più grande consenso della storia della TV americana per quanto riguarda un programma di informazione. Oltre 45 milioni di spettatori – curiosi di conoscere i pensieri dell’ex comandante supremo caduto in disgrazia e ansiosi di ascoltare da parte sua l’ammissione dell’abuso di potere che aveva condotto alle sue dimissioni – restarono incollati davanti ai teleschermi, per assistere all’avvicente confronto verbale che Nixon e Frost misero in scena nel corso di quattro serate. Due uomini con una reputazione da difendere, e la consapevolezza di poter soltanto vincere o perdere durante l’incontro, ma non pareggiare. Il loro leggendario confronto avrebbe rivoluzionato per sempre l’arte dell’intervista, cambiando il volto della politica, e registrò una piena confessione da parte dell’ex presidente che sbalordì il mondo intero… e forse persino lo stesso Nixon.

Superman Returns

Cinque anni sono passati da quando Superman ha lasciato la Terra per raggiungere eventuali sopravvissuti sui resti del suo pianeta natale, Krypton. Ma ora che è tornato, le cose non sono proprio come le aveva lasciate: l’amata Lois Lane ha avuto un bambino e si è legata a un nuovo compagno, Charles. In più, il perfido Lex Luthor sta tramando nell’ombra per portare a compimento un diabolico piano: combinare i cristalli lasciati dal supereroe nella Fortezza della Solitudine con della kryptonite estratta da un frammento meteoritico, per dare così origine a un nuovo continente nel centro dell’Oceano Atlantico, e da lì dettare le proprie condizioni al mondo intero.

La recensione

Sono passati quasi venti anni dall’ultimo
Superman,
il quarto e pomposo episodio interpretato dall’indimenticabile

Small Soldiers

Un produttore di giocattoli troppo entusiasta mette dei microchip militari nei nuovi pupazzi da combattimento; si scatenerà l’inferno quando questi dichiareranno guerra ai giocattoli “nemici”. Una buona premessa indebolita da una sceneggiatura prevedibile. L’animazione al computer è straordinaria e il regista Dante ci mette un po’ di chicche per cinefili, usando membri del cast di Quella sporca dozzina e di This Is Spinal Tap per le voci, e la musica di La moglie di Frankenstein nei momenti chiave. Ultimo film di Hartman. Super 35.

Body of Evidence – Il corpo del reato

Dafoe, avvocato a cui nessuno vorrebbe rivolgersi, rimane sentimentalmente coinvolto con una sua cliente (Madonna), accusata di aver ucciso un amante facoltoso durante un gioco erotico particolarmente violento. Le scene di sesso sono più scoraggianti che eccitanti. In circolazione c’è, ovviamente, anche la versione non censurata.

E Dio creò la donna

Variazione sorprendentemente tiepida di Vadim sul tema del suo famoso film-scandalo del tempo che fu. La viziosa DeMornay sposa il falegname Spano solo per poter uscire di prigione, ma intanto flirta con il candidato governatore Langella. Piuttosto simile a Overboard — Una coppia alla deriva con Goldie Hawn. Pessima la sottotrama rock’n’roll.

Il mistero delle dodici sedie

Nobile russo decaduto (Moody) è in cerca di una tra dodici sedie da pranzo, ora disperse, che contiene dei gioielli nell’imbottitura. DeLuise esilarante nel ruolo del suo antagonista. Personaggi sgradevoli ostacolano la riuscita del film, per quanto il cervello di tutto, Brooks, garantisca molte risate. Girato in Jugoslavia; la stessa storia è stata raccontata a Hollywood, in Germania, Argentina, Inghilterra e Cuba!

Stardom

Uno sguardo penetrante sulla cultura dei media con un’attraente giovane giocatrice di hockey canadese (Paré) che viene trasformata in modella e poi in celebrità. Una satira mirata, vista attraverso gli “occhi” dei programmmi tv superficiali che seguono il mondo dei vip. Arcand è autore della sceneggiatura insieme a J. Jacob Potashnik.

Sweet November

Sara ha una malattia senza rimedio, e i suoi giorni sono ormai contati. Vuole bruciare il tempo che le rimane con una serie di effimere relazioni, ma l’incontro con Nelson le farà provare il vero amore. Per film come
Sweet November
non basta più il titolo: ci vuole un codice a barre, in modo da poterli distinguere da un’infinità di altri tutti uguali. Innanzitutto l’ultima fatica – si fa per dire – dell’autore dell’imperdibile
Ballando a Lughnasa
è il remake dell’omonima pellicola del 1968 di Robert Ellis Miller con Sandy Dennis (all’epoca intitolata
Dolce novembre
). E il confronto è perso in partenza. Ma è ben più folta la schiera di film – da
Amanti senza domani
(1932) di Tay Garnett fino a
Un attimo, una vita
(1977) di Sydney Pollack – in cui la relazione d’amore casuale deve fare i conti con il male inguaribile del personaggio femminile che introduce l’elemento melodrammatico nella vicenda. Insomma, come comportarsi con
Sweet November
? I più smemorati l’hanno considerato un clone di
Autumn in New York
. Ma in fondo è più decente. Almeno perché c’è Charlize Theron, che è bravina, sebbene anche lei quest’anno (come Robert De Niro) di film ne abbia interpretati un po’ troppi.
(anton giulio mancino)