Rimini Rimini – Un anno dopo

In un’estate caldissima, sulle spiagge assolate di Rimini, s’intrecciano le avventure di alcuni villeggianti (di tutti i tipi e per tutti i gusti). Trait d’union tra i cinque episodi, la figura di un DJ di una radio privata locale (interpretato da Dario Salvatori). Seguito di Rimini Rimini , diretto l’anno precedente da Sergio Corbucci (fratello di Bruno, che dirige questa nuova puntata con Giorgio Capitani). Scialbo, girato in fretta e ben poco divertente. (andrea tagliacozzo)

Non chiamarmi Omar

Il film è ambientato in una grigia città del Nord Italia, dove si agita una folla di strambi personaggi. La valigia del proprietario di una rinomata clinica, il chirurgo Omar Tavoni, contenente alcuni misteriosi e riservatissimi documenti, viene smarrita dal medico in un taxi e passa di mano in mano, fino ad arrivare in quelle di un’acida femminista. Più che grottesco, il film sembra confuso e privo di senso. Qualche buona idea in un marasma di cose non riuscite. Sceneggiatura del regista Staino e Tullio Altan (tratto da un racconto scritto dal secondo intitolato «Nudi e crudi»).
(andrea tagliacozzo)

Yuppies – I giovani di successo

Un notaio, un dentista, un pubblicitario e un rivenditore d’auto, con il mito dei soldi, del potere, della fama, delle belle donne e, ovviamente, di Gianni Agnelli, tengono banco per oltre un’ora. Uno dei film più brutti e volgari del cinema italiano.