Luci della ribalta

Storia sentimentale di un vecchio clown del music hall in rovina che salva la ballerina Bloom dal suicidio e riguadagna fiducia in se stesso mentre l’aiuta a rimettersi insieme. Sforzo eccessivamente lungo e indulgente di Chaplin, conserva alcune scene commuoventi, con l’accoppiata storica della commedia Chaplin/Keaton. La giovane Geraldine Chaplin (figlia del regista) debutta al cinema nella parte del monello da strada. Vinse l’Oscar per la colonna sonora nel 1972, anno in cui poté per la prima volta partecipare alla selezione, dato che il film non era mai stato proiettato in un cinema di Los Angeles fino ad allora!

Daylight – Trappola nel tunnel

Buon film catastrofico vecchio stile, costruito in modo stereotipato. Stallone è un poveraccio che lavora per il pronto intervento medico di New York: quando un’enorme esplosione distrugge il tunnel che passa sotto il fiume Hudson, si lancia in azione per salvare un gruppetto di sopravvissuti che sono rimasti intrappolati. Acrobazie circensi e grandi effetti speciali. C’è anche Sage, il figlio di Stallone, nei panni di un giovane arrogante e sedicente artista che viene sbattuto in prigione. Una nomination agli Oscar per il comparto delgli effetti sonori.

Karamazov

Ambientato nella Russia del XIX secolo, è la versione cinematografica della tragedia di Dostoevskij, che vede la morte di un padre opprimente (Cobb) e il suo effetto sui suoi figli: lo scapestrato Brynner, lo studioso Basehart, il pio Shatner e l’epilettico Salmi. Straordinaria la sceneggiatura dello stesso Brooks. Primo film per Shatner. Una nomination agli Oscar.