Dietro la maschera

Film irresistibile tratto dalla storia vera di Rocky Dennis (Stoltz), un adolescente dalla faccia sfigurata da una terribile malattia, e della madre Rusty (Cher), che è riuscita a instillare un senso di fiducia e amore nel figlio, anche se a scapito delle sue difese. La sceneggiatura di Anna Hamilton Phelan schiva i clichés, mentre Cher e Stoltz rendono i loro personaggi umani e reali. Un film riuscito. La versione “director’s cut” dura 127 minuti.

Silkwood

Karen Silkwood lavora in una fabbrica di plutonio, dove è esposta quotidianamente al rischio di contaminazione. La donna, già risultata positiva ad un controllo, scopre che l’azienda, oltre a fare ben poco per salvaguardare la salute dei suoi dipendenti, permette l’immissione sul mercato di alcune barre difettose. Un’opera onesta, ma non memorabile, anche se interpretata con grande vigore dalla Streep. Brava anche Cher, già messasi in luci l’anno prima in Jimmy Dean, Jimmy Dean di Robert Altman.
(andrea tagliacozzo)

Sirene

Una madre single di due figli, sexy e provocante, è fonte di costante imbarazzo per la figlia adolescente, che sta tentando di fare i conti con le proprie pulsioni sessuali, già qualche diffocoltà. Vivace miscela di commedia e dramma, ambientato nel New England dei primi anni Sessanta. Divertente ed emozionante, con un’ottima performance della Ryder. Tratto da un romanzo di Patty Dann.

Jimmy Dean, Jimmy Dean

Vent’anni dopo la morte di James Dean, avvenuta nel 1955, cinque vecchie fans dell’attore si ritrovano in un torrido emporio texano per commemorarlo insieme. Rievocano quelli che avrebbero dovuto essere bei tempi e invece viene a galla la falsità e la vanità di quei ricordi. Film d’impianto teatrale, realizzato in un unico ambiente, tratto da una commedia di Ed Graczyk. Davvero straordinarie le interpreti. (andrea tagliacozzo)

Le streghe di Eastwick

Uno sconosciuto arriva ad Eastwick, un paesino della provincia del New England, insediandosi in una faraonica villa. L’uomo altri non è che il Demonio, giunto in paese per sedurre le giovani Alexandra, Jane e Sukie ed avere un figlio da ciascuna di loro. Una debordante favola horror diretta dall’abile George Miller che conferma le doti già intraviste nella serie
Mad Max
: un’accentuata propensione allo spettacolo e un uso disinvolto della macchina da presa. Jack Nicholson, memore della diabolica interpretazione di
Shining
, gigioneggia come non mai.
(andrea tagliacozzo)