L’ultimo tramonto sulla terra dei McMasters

Discreto dramma razziale ambientato sullo sfondo della guerra di Secessione. Al termine del conflitto, un soldato nero dell’esercito nordista ritorna nella cittadina di Ironwood, per riprendere il suo posto nel ranch del vecchio McMasters. Purtroppo però alcuni abitanti della cittadina si mostrano ostili nei confronti del nero e gli rendono la vita difficile.
(andrea tagliacozzo)

La gatta sul tetto che scotta

In una patriarcale famiglia del profondo sud, il vecchio Pollit domina la moglie e i due figli, Cooper e Brick, entrambi sposati: il primo con la gretta e avida Mae, il secondo con la bella e insoddisfatta Margaret. Brick, infatti, trascura la moglie affogando i suoi dispiaceri nell’alcool. Dal dramma di successo di Tennesse Williams, un film altrettanto fortunato, ben diretto da Brooks, ma soprattutto magnificamente recitato da Paul Newman e Burl Ives. Bellissima e bravissima Liz Taylor, nel ruolo della moglie innamorata, nonostante nella vita privata fosse appena rimasta vedova del marito del momento, il produttore, Mike Todd. Sei nomination agli Oscar. (andrea tagliacozzo)

Magia d’estate

Una donna, rimasta vedova, è costretta a lasciare la costosa casa di Boston per trasferirsi, assieme alla figlia, in una più modesta ma accogliente villetta di campagna. Classico film di produzione Disney: assai gradevole, ben confenzionato, ma terribilmente smielato e prevedibile. Tre anni prima, l’allora giovanissima Hayley Mills aveva ricevuto un premio speciale (un Oscar in miniatura) per la sua interpretazione ne Il segreto di Pollyanna.
(andrea tagliacozzo)