Viaggiatore, Il

Tratto da un racconto di Hassan Rafii. Uno scolaro di provincia fa di tutto per riuscire ad andare a Teheran per assistere a un incontro della nazionale di calcio: rubacchia, imbroglia e compie altre azioni poco corrette. Raccolti i soldi necessari, giunge alla meta, ma si addormenta prima del match, per svegliarsi a partita ormai conclusa. Esordio pulito e moraleggiante, con un saggio ben definito dello stile narrativo di Kiarostami (contraddistinto da tempi morti, a scandire il ritmo delle storie). Il film è anche noto come Il passeggero e The Traveller.