Via col vento

Nel profondo Sud, durante la guerra di Secessione, la giovane Rossella s’innamora del cugino che però le preferisce la cugina Melania. Al termine del conflitto, Rossella sposa Rhett Butler, affascinante avventuriero, ma il matrimonio si rivela tutt’altro che tranquillo. Dall’omonimo romanzo di Margareth Mitchell, uno dei film più celebri della storia del cinema, mastodontico nel suo sfarzo scenografico, nell’impianto narrativo e nella sua interminabile lunghezza. Com’era prevedibile, si aggiudicò numerosi Oscar, tra i quali quelli per il film, la regia, l’attrice protagonista (Vivien Leigh) e quella non protagonista (Hattie McDaniel, la prima nera a conquistare il premio). Gable, invece, si vide soffiare lo statuetta da Robert Donat, candidato con
Addio Mr. Chips!.
(andrea tagliacozzo)
.

Il grande ammiraglio

A Napoli, verso la fine del Settecento, la giovane inglese Lady Hamilton, moglie di un maturo diplomatico, s’innamora di Lord Nelson, capitano di marina. Nel corso degli anni, la loro scandalosa relazione diviene di dominio pubblico. Realizzata con dovizia di mezzi, la pellicola è costruita ad arte per propagandare il valore degli alleati britannici, impegnati nella guerra contro l’esercito di Hitler (qui rappresentato da un altro celebre condottiero con deliri di onnipotenza, ovvero Napoleone), anche se il risalto maggiore viene dato alla vicenda sentimentale dei due protagonisti. All’epoca del film, Laurence Olivier e Vivien Leigh erano marito e moglie (si separarono quasi vent’anni dopo, nel 1960). Si dice che questa fosse la pellicola preferita di Winston Churchill.
(andrea tagliacozzo)

I marciapiedi della metropoli

Laughton è superbo nei panni di un artista di strada, con la Leigh quasi allo stesso livello in quelli della sua protetta, che fa di tutto nella sua ricerca del successo come star del palcoscenico (un personaggio non dissimile da Scarlett “O’Hara!) Intrattenimento eccellente… fino alla sbagliata scena finale. In America è stato intitolato Sidewalks of London.

Un tram che si chiama desiderio

New Orleans, quartiere francese. Blanche DuBois (Leigh) è una giovane vedova che, nel tentativo di rifarsi una vita, finisce per perdersi nella relazione ambigua e autolesionista con il violento Stanley Kowalski (Brando), marito della sorella. Memorabile interpretazione di Marlon Brando, oscar alla Leigh e celebre colonna sonora di Alex North.