Le ragazze del Coyote Ugly

Il bancone di un bar aperto tutta la notte può trasformarsi nella ribalta ideale per il coronamento del sogno americano, per chi sia disposto a esibirsi ogni notte a beneficio di una folla di scalmanati. Così la giovane Violet, cantautrice timida e al verde, trova – papà John Goodman permettendo – la maniera per superare l’imbarazzo iniziale, trasformarsi nella reginetta canora del bar newyorkese dove spettacolo, suggestioni erotiche e sbronze fanno tutt’uno, raggiungere la notorietà e innamorarsi come una collegiale. Siamo insomma dalle parti di
Flashdance
e «Papa Don’t Preach» di Madonna, con l’ingombrante aggiunta di una costruzione narrativa suadente e di un montaggio serrato e rutilante. È insomma imbarazzante dover ammettere che un film ipocrita e moralista come questo riesca a mantenere una progressione così calibrata, a rendere credibile la sua improbabile tenerezza e a far digerire allo spettatore la sua indigesta miscela di trasgressione, familismo, retorica spettacolare (the show must go on…) e apologia del successo.
(anton giulio mancino)

Hannah Montana: Il film

Miley Stewart (Miley Cyrus) ha problemi a conciliare la scuola, gli amici e la sua identità segreta. Quando la crescente popolarità di Hannah Montana minaccia di prendere il controllo della sua vita, lei potrebbe decidere di abbandonare tutto. Per questo, suo padre (Billy Ray Cyrus) porta l’adolescente a Crowley Corners, in Tennessee, per ritrovare un contatto con la realtà, dando il via a un’avventura piena di divertimento, risate e sentimenti