Transformers

Direttamente da un pianera lontano (e dagli anni ’80) arriva sul pianeta terra una razza aliena più simile a un’aspirapolvere che a ET. Si tratta di robot viventi, capaci di assumere le sembianze di mezzi di trasporto di uso comune per gli esseri umani (autocarri e automobili soprattutto). Ovviamente si distinguono in buoni (gli Autobot, pronti a difendere disinteressatamente la nobile razza americana) e cattivi (i Decepticon, interessati a conquistare il pianeta Terra).

Il produttore Steven Spielberg (in questo caso più determinante del regista) non commette l’errore di “nobilitare” il materiale di partenza inserendo temi adulti o letture di secondo livello: e quel che ne esce è solo un gande spettacolo per ragazzi. Perfetta la prima parte, con toni da commedia fantastica; nella seconda, più fracassona e ostaggio degli effetti speciali, subentra un filo di noia. Ma anche così, resta uno dei migliori popcorn movie degli ultimi anni.