L’uomo dei sogni

Spinto da alcune voci provenienti dall’aldilà, un agricoltore dell’Iowa decide, tra lo stupore dei suoi familiari, di costruire un campo di baseball sulla sua proprietà. Una volta terminati i lavori, sul terreno di gioco si materializzano, come per magia, alcuni dei mitici campioni del passato, da tempo defunti. Una commovente favola alla Frank Capra, suggestiva e nostalgica, tratta dal romanzo di W.P. Kinsella
Shoeless Joe
. Ottime la sceneggiatura, scritta dallo stesso regista, e l’interpretazione di Costner, praticamente perfetto nei panni del sognatore idealista.
(andrea tagliacozzo)

National Security – Sei in buone mani

Due ex poliziotti rivali scoprono azioni illecite nelle alte sfere mentre lavorano come guardie di sicurezza (eh sì, probabilmente avrete già sentito qualcosa di simile…). Com’è prevedibile, questa commedia su una coppia di amici non è granché sensata neppure al suo livello più stupido, eppure Lawrence e Zahn sono sorprendentemente in sintonia e spassosi come sono sempre stati. La scena che porta alla cacciata di Zahn dalla squadra è di prim’ordine, qualunque sia il metro di valutazione; tutto il resto è mero riciclaggio.