American Pie – Il primo assaggio non si scorda mai

Buona commedia adolescenziale su quattro ragazzi che muoiono dalla voglia di perdere la verginità. La fama del film è legata a gag fondamentalmente volgari, ma ben costruite intorno a situazioni e a personaggi credibili. In effetti si tratta di una comicità di vecchio stampo, nonostante la modernità delle battute. Con due sequel.

Le regole dell’attrazione

Il Camden College è una piccola università del New England frequentata da ragazzi ricchi e di buona famiglia. Sesso (molto), amore (poco), droga, noia, festini e molto poco studio caratterizzano la vita di rampolli che, in attesa di affrontare la vita che i loro genitori gli hanno preparato, passano il tempo buttandosi via ma soprattutto annoiandosi a morte.

«Dalle menti perverse che hanno creato
Pulp Fiction
e
American Psycho»,
strilla la locandina italiana del terzo film di Roger Avary, arrivato in Italia con due anni di ritardo rispetto alla sua uscita negli Stati Uniti. In effetti il regista è uno degli sceneggiatori del film di Quentin Tarantino e il soggetto è tratto dall’omonimo romanzo di Bret Easton Ellis, uno dei meno riusciti fra quelli dello scrittore americano. Già regista dell’ottimo
Killing Zoe
e del trascurabile
Mr. Stitch – Pensieri residuali,
Avary si cimenta senza troppa fortuna con i belli e annoiati dell’autore di
American Psycho,
altro romanzo portato con scarsi esiti sul grande schermo. Il suo film tenta la carta del ritratto generazionale ma è troppo frammentato per essere davvero incisivo. Intorno a ognuno dei personaggi, compreso Sean Bateman, il fratello del protagonista di
American Psycho,
viene costruita una microstoria e l’insieme delle microstorie dovrebbe costituire la sostanza del film. Complice un romanzo di non facile trasposizione cinematografica, i propositi del regista vanno però in fumo. Allo spettatore restano dei bozzetti un po’ noiosi e la sensazione di aver assistito a un paio di puntate di telefilm. Forse andrà meglio con
Glamorama,
l’ultimo romanzo di Ellis che Avery ha già annunciato di voler portare al cinema.
(maurizio zoja)

American Pie: il matrimonio

Biggs e la Hannigan preparano le nozze, ma in questo secondo sequel la serie di American Pie inizia a mostrare un po’ la corda… specialmente quando ci viene propinato l’insopportabile Stifler (Scott). Qualche scena divertente c’è, ma le gag sono costruite in maniera grossolana. Sembra che i realizzatori vogliano solo vedere fino a quali limiti possono spingere i loro tentativi di far ridere. Super 35.