Mister Miliardo

Primo film americano di Terence Hill. Un giovane meccanico italiano deve raggiungere entro venti giorni San Francisco per prendere possesso di una favolosa eredità. Gli altri pretendenti all’ingente patrimonio fanno di tutto per impedirgli di arrivare a destinazione, non esitando a ricorrere ai mezzi più scorretti. Commediola piuttosto mediocre diretta da un regista che diversi anni più tardi si farà notare con pellicole più che dignitose come
Legami di famiglia
,
Sotto accusa
e
Bad Girls
.
(andrea tagliacozzo)

Mezzogiorno e mezzo di fuoco

Il primo grande successo firmato Mel Brooks è una rutilante parodia di western, con Little nei panni di uno stravagante sceriffo e Korman in quelli del cattivo Hedley Lamarr; la Kahn invece è una chanteuse simil-Dietrich. Non ci sarà più un altro film di Brooks tanto scompisciante: onore agli sceneggiatori Andrew Bergman, Richard Pryor, Norman Steinberg e Alan Uger, oltre ovviamente a Brooks. La title song è cantata da Frankie Laine. Tre nomination agli Oscar. Panavision.

Sam il selvaggio

Seguito di
Zanna Gialla
, realizzato nel ’57 dalla Disney e interpretato da Tommy Kirk (tra i protagonisti anche di questa seconda puntata). Due giovani fratelli e una loro amica vengono catturati da un gruppo di indiani. Per rintracciare i tre ragazzi e i loro rapitori, i soccorritori si servono di Sam, un cane provvisto di un fiuto prodigioso. Rispetto al precedente (diretto da Robert Stevenson), questo film di Norman Tokar è più convenzionale e meno felice nella descrizione psicologica dei personaggi.
(andrea tagliacozzo)