Chi è Harry Crumb

L’inetto e pasticcione Harry Crumb (John Candy), dipendente di un’agenzia investigativa, riceve da Eliot Draisen (Jeffrey Jones), suo principale, l’incarico d’indagare sul rapimento della figlia di un miliardario. Il sequestro, come scoprirà in seguito il buon Harry, è stato in realtà organizzato dallo stesso Draisen. John Candy è sufficientemente divertente, ma da solo non basta a tenere un piedi un film troppo sconclusionato e che funziona a corrente alternata.
(andrea tagliacozzo)

Saw III – L’enigma senza fine

Sfuggito ancora una volta dalla polizia farfallona, il serial killer Jigsaw (l’Enigmista) è afflitto da un’inguaribile tumore al cervello e si è nascosto con la fedele apprendista Amanda in un luogo segreto. Benché malato, la sua mente diabolica ha ancora le forze per fare del male tanto che ha già progettato un nuovo test a cui sottoporre la malcapitata vittima di turno: si tratta della dottoressa Lynn costretta a mantenere in vita il più possibile lo spregevole Jigsaw, almeno fino a quando un misterioso uomo sarà riuscito a superare quattro agghiaccianti prove.

Saw IV

Il maniaco Jigsaw e la sua assistente Amanda sono morti. Alla notizia dell’omicidio del detective Kerry, due agenti dell’FBI esperti in profili criminali, Strahm e Perez, si uniscono alla squadra per aiutare il detective Hoffman a scoprire l’ultimo enigmatico gioco di Jigsaw e rimettere insieme i pezzi del puzzle: mentre le indagini proseguono, il comandante della SWAT viene improvvisamente rapito. Coinvolto a forza nel terrificante gioco di Jigsaw, ha solo novanta minuti per risolvere una diabolica serie di trappole.

Saw – L’enigmista

Due estranei (Elwes e Whannell) si risvegliano e si ritrovano prigionieri di un ignoto maniaco nel bagno di un magazzino abbandonato. Lo psicopatico si diverte a inventare orribili giochi di tortura per le vittime ignare, mentre i poliziotti Glover e Leung cercano di fermare il suo sadico passatempo criminale. Sgradevole ma intenso, un thriller efficace nella scia di Seven. Sceneggiatura di Whannell, da un soggetto ideato insieme al regista. Gli spettatori impressionabili potrebbero non volerlo vedere da soli… o non vederlo affatto. Con un sequel.

Saw 2 – La soluzione dell’enigma

In questo sadico sequel, il diabolico cervellone “Jigsaw” tiene un gruppo di estranei prigionieri in una casa spettrale piena di tranelli. Sangue a fiumi per i fan, con le vittime in lotta contro il tempo mentre un gas letale riempie loro i polmoni. Wahlberg è il poliziotto che indaga sul caso, ma riuscirà a essere all’altezza di questo folle disturbato?

Il fluido che uccide

Remake di
Fluido mortale
(meglio conosciuto come
The Blob
), realizzato nel 1958 da Irvin S. Yeaworth. Uno strano fluido semina terrore e morte in una cittadina degli Stati Uniti. Gli abitanti credono che la sostanza provenga dagli spazi siderali. Il giovane Brian scopre che invece è stata creata da alcuni scienziati per conto dell’esercito. Il film originale, per essendo diventato un cult-movie, era piuttosto bruttino. Questo rifacimento non ha troppe pretese e riesce anche ad essere divertente, anche se è ovviamente privo del fascino
trash
del primo film.
(andrea tagliacozzo)

Ho visto cosa hai fatto e so chi sei

Due ragazze vanno a trascorrere qualche giorno di vacanza in una fattoria isolata dove ingannano il tempo con stupidi scherzi telefonici. Per puro caso, tra le loro «vittime» capita un pazzo psicopatico che, credendo di essere stato scoperto, decide di eliminare le due sventurate. Blando rifacimento de
Gli occhi degli altri
, un thriller diretto nel ’65 da William Castle. Completamente privo della suspense dell’originale.
(andrea tagliacozzo)