Accadde una notte

Ellie è una ricchissima ereditiera, viziata e bizzosa; Peter è un giornalista orgoglioso e cocciuto. La ragazza fugge dalla famiglia per sposare un improbabile fidanzato altrettanto ricco e viziato. A bordo di un autobus conosce Peter, e i due attraversano l’America rurale durante la Grande Depressione. Inutile dirlo, nasce una complicità che poi… Capolavoro riconosciuto di Frank Capra, uno dei pochi registi che negli anni Trenta poteva vantare di avere «il nome sopra il titolo». Vera e propria incetta di Oscar (cinque), con due attori nel pieno del fulgore. Celebrazione del patto sociale del New Deal, attraverso un viaggio iniziatico di una coppia di (futuri) sposi nel volto «autentico» dell’America. Monumento al self-made man americano e alla libertà di stampa. Ma anche inno a una sessualità interclassista e gioiosa, prima che le maglie del codice hollywoodiano di autocensura si stringano sui registi. Due scene su tutte: l’autostop di Claudette Colbert che mostra la giarrettiera e lo spogliarello di lei e Clark Gable in un motel, separati da una coperta denominata «Mura di Gerico». (francesco pitassio)

Strada maestra

Humphrey Bogart e George Raft interpretano i ruoli di due fratelli camionisti. Durante un incidente stradale, nel quale il camion di loro proprietà va completamente distrutto, il primo perde un braccio. Qualche tempo dopo, l’altro diventa amministratore di un garage per conto di un amico. Tutto andrebbe per il meglio se la moglie di quest’ultimo non s’innamorasse di lui. Memorabile melodramma, abilmente diretto da Raoul Walsh, deve gran parte della sua riuscita agli splendidi dialoghi di Jerry Wald e Richard Macaulay. (andrea tagliacozzo)

Lo sport preferito dell’uomo

Creduto da tutti un provetto pescatore, il giovane commesso di un negozio di articoli sportivi viene costretto dal suo direttore a iscriversi a una gara per fare pubblicità all’impresa. Durante la competizione, il giovanotto, che in realtà di pesca sa poco o nulla, ne combina di tutti i colori. L’ultima commedia diretta dal veterano Hawks è anche una delle sue migliori: una screwball comedy ricca di gag esilaranti in puro stile splapstick, con Rock Hudson e Paula Prentiss (attrice troppo spesso sottovalutata) al massimo della forma.
(andrea tagliacozzo)

Caino e Adele

Un pubblicitario organizza una finta storia d’amore fra una stella di Broadway (Davies, fuori parte) e un campione dei pesi massimi (Gable), che si detestano reciprocamente. I numeri e una produzione gigantesca non aggiungono nulla a una trama scontata, salvata in qualche modo dalle briose battute degli attori di contorno. Una nomination agli Oscar.

Ventesimo secolo

Da una commedia di Ben Hecht e Charles MacArthur (gli stessi autori di
Prima pagina
). Un impresario e commediografo intuisce doti di attrice in una graziosa commessa. Dopo i primi successi, la ragazza, sebbene sia innamorata del suo pigmalione, lo abbandona allettata dalle offerte di Hollywood. Mentre lei diventa una diva dello schermo, lui fallisce. Una commedia sofisticata, strepitosamente divertente, con due interpreti – Barrymore e la Lombard – al massimo della forma.
(andrea tagliacozzo)