Picnic

In una cittadina del Kansas si organizza un grande picnic campestre per il fine settimana. Un uomo molto ricco (Cliff Robertson) e un simpatico vagabondo (William Holden) si contendono le grazie di una bella ragazza (Kim Novak). Eccellente versione cinematografica di una commedia di William Inge che aveva ottenuto uno strepitoso successo a Broadway (con Paul Newman al posto di William Holden). Notevoli le interpretazioni di Rosalind Russell e Arthur O’Connell: i due più di una volta rubano la scena agli stessi protagonisti.
(andrea tagliacozzo)

La cittadella

Superbo adattamento del romanzo di A.J. Cronin su un dottore fallito (Donat) che rinuncia agli ideali per ottenere denaro sfruttando le paure di ricchi ipocondriaci, dimenticandosi completamente di moglie e amici. Una tragedia, però, gli aprirà gli occhi. La buona recitazione compensa un finale debole. Hanno contribuito alla sceneggiatura Frank “Spig” Wead, Emlyn Williams, Ian Dalrymple, Elizabeth Hill e John Van Druten. Rifatto in Gran Bretagna come serie tv. Quattro nominatio, tra cui Miglior Film e Regia.

Segretario a mezzanotte

Per sbarcare il lunario, un pittore diventa il segretario personale dell’affascinante dirigente di una agenzia pubblicitaria. L’uomo, costretto nelle occasioni mondane a presentarsi come il fidanzato della principale, finisce per innamorarsi della donna. Lei, dal canto suo, non vuole ammettere di ricambiare il sentimento del suo segretario. Una divertente commedia sofisticata con due protagonisti in grande forma e un ottimo stuolo di caratteristi (tra cui Robert Benchley). Comunque inferiori ai precedenti lavori di Mitchell Leisen sceneggiati da Billy Wilder e Charles Brackett.
(andrea tagliacozzo)

Sesso debole

Rifacimento in chiave musicale di «Donne», una commedia diretta nel 1939 da George Cukor. Kay, artista di varietà di grande successo, abbandona la carriera per sposarsi con un produttore teatrale. L’invidia spinge un’amica della ragazza, Sylvia, a mettere in giro la voce che il marito di Kay si è innamorato di un’altra donna. I risultati del film di Miller sono in parte apprezzabili, anche se l’originale, interpretato da fior di attrici come Joan Crawford e Rosalind Russell, era un’altra cosa.
(andrea tagliacozzo)

La donna che inventò lo strip-tease

Dalla commedia musicale di Arthur Laurents e J. Styne e dall’autobiografia di Gypsy Rose Lee, regina dello spogliarello americano negli anni Trenta, ben interpretata da una vivace Natalie Wood. Gypsy all’inizio è un ragazzina fresca e ingenua che entra timidamente nel mondo del vaudeville guardata a vista da una madre possessiva. Poi diventa famosa dando vita ai numeri più audaci mai visti in America. Degna di nota anche la prova di Rosalind Russell nei panni della madre della protagonista.
(andrea tagliacozzo)