Quel pazzo venerdì – Freaky Friday

Remake divertente e pompato della commedia Disney del 1977 (Tutto accadde un venerdì) su una madre stressata e la figlia adolescente, che magicamente si scambiano i corpi e devono in qualche modo vedersela con la loro nuova identità. Si ride, con le performance eccellenti della Curtis e della Lohan nei panni della coppia “confusa”.

Crimini invisibili

Il primo film americano di Wenders dopo Paris, Texas è splendido da guardare, ma complessivamente un po’ confuso e poco maturo. Un produttore cinematografico (Pullman) si nasconde presso una famiglia messicana dopo aver rischiato la morte perché coinvolto in un progetto ad alta sicurezza nell’osservatorio di Griffith Park. La Lind è affascinante come controfigura; la MacDowell un po’ meno convincente, vestita di soli slip e reggiseno. La musica di Ry Cooder rappresenta un punto a favore, così come il brano Until the End of the World degli U2. Super 35.

Al di là dei sogni

Sgradevole e astruso film su un uomo che perde i suoi figli in un incidente d’auto, poi muore e cerca di raggiungere la sua amata e addolorata moglie rimasta in vita. Nonostante le credenziali (è basato su un romanzo di Richard Matheson, vanta un buon regista e un buon cast), questo film non è in grado di evocare nessuna emozione tangibile. Semplicemente non funziona. I suoi (troppo) elaborati effetti speciali vinsero un Oscar. Super 35.

Sporca guerra

Nei dintorni di un villaggio vietnamita si aggira, secondo una credenza locale, lo spirito di un soldato americano che recupera le anime dei commilitoni morti durante la guerra. Stanca imitazione dei film sul Vietnam nati sulla scia del successo di
Fratelli nella notte
e
Platoon
. Il protagonista William Katt è figlio di Bill Williams attore americano degli anni Cinquanta.
(andrea tagliacozzo)