La cosa

John Carpenter riprende in maniera molto personale un racconto di John W. Campbell Jr., Who Goes There? , che già nel ’51 aveva ispirato La cosa da un altro mondo. In una base americana, sperduta tra i ghiacci dell’Alaska, dodici scienziati affrontano, in una disperata lotta per la sopravvivenza, un essere alieno e pericoloso, capace d’infiltrarsi tra di loro assumendo sembianze umane. Tensione a mille e grandi effetti speciali per un film che alla sua uscita non ha suscitato grandi apprezzamenti da parte della critica, ma che il tempo e gli affezionati del genere hanno giustamente rivalutato. (andrea tagliacozzo)

Dietro la maschera

Film irresistibile tratto dalla storia vera di Rocky Dennis (Stoltz), un adolescente dalla faccia sfigurata da una terribile malattia, e della madre Rusty (Cher), che è riuscita a instillare un senso di fiducia e amore nel figlio, anche se a scapito delle sue difese. La sceneggiatura di Anna Hamilton Phelan schiva i clichés, mentre Cher e Stoltz rendono i loro personaggi umani e reali. Un film riuscito. La versione “director’s cut” dura 127 minuti.

Oltre il giardino

Sellers è un taciturno i cui silenzi vengono interpretati come segni di intelligenza superiore dai personaggi ricchi e potenti. Umorismo nero di basso livello, ricco di commenti sarcastici sulla quotidianità americana nell’era della televisione… ma è troppo lungo! Adattamento cinematografico di Jerzy Kosinski, autore stesso del romanzo. Douglas ha vinto l’Oscar.