Piccole volpi

Eccezionale versione cinematografica della commedia di Lillian Hellman sull’avidità e sulla corruzione in ambito finanziario all’interno di una famiglia decadente del Sud, con a capo la maestosa Davis nei panni della spietata Regina. Collinge, Duryea, Dingle, Carl Benton Reid, e John Marriott rifanno tutti i loro ruoli dello spettacolo di Broadway, Collinge, Duryea, Reid, e Teresa Wright debuttando sul grande schermo. Sceneggiatura di Hellman, ebbe nove nominationa gli Oscar. Con un prequel: Un’altra parte della foresta.

Kid Rodelo

Appena uscito dal carcere, Kid Rodelo si mette in viaggio alla volta di Sheridan, il paesino abbandonato dove ha nascosto l’ingente frutto di una rapina. L’uomo è seguito da tre ex compagni di cella, da una coppia di avventurieri e da una donna aggregata a questi ultimi due. I sette fingono d’accordarsi per un’equa spartizione del bottino, ma poi finiscono per uccidersi a vicenda. Un western di routine. La quarantenne, ma ancora bellissima Janet Leigh era già in precoce declino. Dal ’69 in poi lavorerà soprattutto per la televisione.
(andrea tagliacozzo)

Destinazione Terra

Avvincente film di fantascienza basato su un racconto di Ray Bradbury. Una nave spaziale si schianta nel deserto dell’Arizona: i suoi passeggeri assumono le identità di abitanti dei luoghi vicini in modo da poter effettuare le riparazioni senza essere notati (pensano loro…). Decisamente sobrio per la sua epoca, con interpretazioni incisive e giusta misura, persino nell’uso del 3-D. Il tv movie del 1996 It Came From Outer Space II è un remake molto inferiore, piuttosto che il sequel che il titolo suggerisce.

Il mostro della Laguna Nera

Questo film di mostri girato negli anni Cinquanta è diventato ormai un archetipo, ed è stato copiato così tante volte che molto del suo mordente è scomparso. Questa storia della spedizione in Amazzonia e dell’incontro con il mostro letale è ancora avvincente, ha un’atmosfera interessante e alcune belle riprese subacquee dirette dal James C. Havens e da Scotty Welbourne. Girato originalmente in 3D, ma bello anche nella versione standard. Con due sequel: La vendetta del mostro e Il terrore sul mondo.

Le miniere di re Salomone

Remake della storia di H. Rider Haggard è dotato di una raffinata produzione con il trio Granger-Kerr-Carlson trio che guida un safari in cerca delle leggendarie miniere di diamanti. Scritto da Helen Deutsch. Ha vinto un Oscar per la fotografia (Robert Surtees) e il montaggio; il metraggio in eccesso è stato usato in Watusi e in altri successivi film della giungla.