La signora e i suoi mariti

Tutti i matrimoni di una stravagante signora sono naufragati perché i mariti, non appena sposati, sono diventati celebri e ricchi. Per conoscere meglio se stessa, la donna si fa visitare da un noto psicologo che, dopo averla ascoltata, le chiede di sposarla. La legnosa regia di Jack Lee Thompson, esperto nel genere d’azione, non riesce a trarre il meglio dal gran cast – in cui spicca una MacLaine in piena forma – e dalla discreta sceneggiatura firmata da Betty Comden e Adolph Green (autori del testo teatrale da cui è stato tratto il film).
(andrea tagliacozzo)

Non disturbate

Mike Harper, giovane dirigente di una azienda americana, si trasferisce in Inghilterra per lavoro, assistito dalla sua graziosa segretaria. La moglie di Mike, Janet, temendo che il marito la tradisca, decide di ingelosirlo con uno spasimante. Innocua commediola costruita su misura (e senza troppa fantasia) per la simpatica Doris Day. La coppia Day-Taylor tornerà l’anno successivo in

La mia spia di mezzanotte
.
(andrea tagliacozzo)

Il grande dittatore

Il primo film di Chaplin interamente parlato: un’insolita commedia che mischia slapstick, satira e analisi sociale in cui lui interpreta il doppio ruolo di un barbiere del ghetto ebraico e del dittatore di Tomania Adenoid Hynkel. In questo film unico e sorprendentemente efficace è presente anche Oakie nell’indimenticabile ritratto di “Benzino Napoloni” del paese rivale Bacteria. Cinque nomination agli Oscar.