Giovanna D’Arco

Mediocre versione hollywoodiana della storia della Pulzella d’Orleans che, da semplice pastorella, divenne condottiera di un immenso esercito, liberando la Francia dagli inglesi. Da ricordare solo per l’interpretazione di Ingrid Bergman, che ottenne la sua quarta nomination agli Oscar. L’attrice tornò nel ruolo di Giovanna d’Arco sei anni dopo nella versione cinematografica diretta da Roberto Rossellini.
(andrea tagliacozzo)

La valle dei mohicani

In questo stupendo western torna ad affacciarsi lo scontro emblematico di razze, culture e prerogative violente. Randolph Scott, sulle tracce della moglie rapita dagli indiani, si imbatte in un’altra bianca, la signora Lowe. Riesce nell’impresa di riscattarla con lo scopo di restituirla al marito, la difende da alcuni banditi e quindi riparte per la sua caccia.
La centralità della famiglia, la donna perennemente in pericolo, le logiche di scambio elette a costante di rapporti interpersonali: le somiglianze di La valle dei mohicani con L’albero della vendetta vanno decisamente oltre la presenza canonica di Randolph Scott. Il film si ricorda anche per l’ampio respiro offerto dal Cinemascope, che in questa versione televisiva viene preservato, fortunatamente, nel formato originale. (anton giulio mancino)