500 giorni insieme

Tom crede ancora, nonostante il cinismo del mondo moderno, all’idea dell’amore predestinato che cambia tutto, al colpo di fulmine che capita una sola volta nella vita. Sole, la ragazza, invece no. Per niente. Ma ciò non ferma Tom, che continua a correrle dietro ancora e ancora, come un moderno Don Chisciotte, con tutta la forza e il coraggio che ha. Tom s’innamora perdutamente non solo di una ragazza adorabile, intelligente e brillante – non che ciò gli dispiaccia – ma dell’idea stessa di Sole, l’idea di un amore che ha il potere di far sussultare il cuore e fermare il mondo.  La miccia prende fuoco il Giorno 1, quando Tom (Joseph Gordon Levitt), un aspirante architetto che lavora come autore di sdolcinati biglietti di auguri, incontra Sole (Zooey Deschanel), l’allegra e bellissima nuova segretaria del capo, appena giunta dal Michigan. Per quanto appaia fuori dalla sua portata, Tom scopre presto di avere molte cose in comune con Sole. Entrambi amano gli Smiths. Entrambi hanno un debole per l’artista surrealista Magritte. Tom un tempo viveva nel New Jersey e Sole ha un gatto di nome Bruce. “Siamo compatibili da matti”, medita Tom…