Uno sceriffo extraterrestre, poco extra e molto terrestre

Un bambino extraterrestre, proveniente dalla costellazione di Vega, capita casualmente sulla Terra. Un simpatico e corpulento sceriffo decide di accoglierlo con sé, anche se stenta a credere che il piccolo sia davvero un alieno. Non si discosta molto dai precedenti lavori interpretati da Bud Spencer: un prodotto medio, prevedibile, ma tutto sommato divertente. All’epoca, il piccolo Cary Guffey era già noto al grande pubblico per essere apparso in
Incontri ravvicinati del terzo tipo
.
(andrea tagliacozzo)

Bomber

Bomber è un ex campione di pugilato, finito come marinaio su una nave destinata alla demolizione. Nel porto di Livorno incontra un manager bizzarro che coltiva, senza fortuna, il sogno di scoprire fra i giovani un grande talento della boxe. Michele Lupo dirige per la quinta volta (in cinque anni) Bud Spencer in un filmetto senza pretese, scontato, ma a suo modo efficace.
(andrea tagliacozzo)

Occhio alla penna

A Yucca City, un misterioso avventuriero, accompagnato da un indiano di nome Girolamo, a causa di un equivoco viene scambiato per un dottore. L’uomo, che riesce a cavarsela in questa inedita veste, decide di approfittare della situazione e rimane nella cittadina in qualità di medico. Si ritroverà a difendere gli abitanti di Yucca da una banda di fuorilegge. Ennesimo prodotto del sodalizio Bud Spencer-Michele Lupo. Dignitoso, come gli altri, ma niente di più.
(andrea tagliacozzo)