Quel mostro di suocera

Charlotte incontra dopo una lunga ricerca l’uomo dei suoi sogni, Kevin. Conosce anche la madre Viola che si rivela una donna insopportabile e pericolosa. Viola ha il timore di perdere suo figlio ed è determinata a terrorizzare la nuova fidanzata trasformandosi nella peggiore delle suocere. Charlie dal canto suo decide di agire ma non riesce a sbrogliare la situazione che al contrario vedrà scontrarsi senza esclusione di colpi le due.

Omicidi di classe

Se uno studente di college si uccide, si suppone che il compagno di stanza subisca un grave shock. Quindi, va promosso. E col massimo dei voti. Lo spunto di partenza di
Omicidi di classe
è questa leggenda, pare abbastanza diffusa tra gli studenti americani, che sembra più che altro un paradosso del politically correct. E dunque, ecco i soliti diabolici studenti pronti ad accoppare l’amico per avere i punti necessari per Harvard. Le cose in realtà sono più complicate: il cadavere non viene ritrovato, una ragazza si suicida e uno dei due compari, somigliando a Donald Sutherland, è un fellone che vuole incastrare l’altro. Di vivace ci sono solo i titoli di testa; il film è verboso, confuso, sleale e interpretato da attori antipatici. Il regista e lo sceneggiatore sono convinti di essere bravi perché uno ogni tanto non fa i controcampi e l’altro chiama Hitchcock un personaggio. Gli ultimi venti minuti poi (una sequela di colpi di scena con morti che resuscitano, donne traditrici anzi no, doppi e tripli giochi) mettono a dura prova la pazienza di chiunque.
(emiliano morreale)