Come ho vinto la guerra

Durante la seconda guerra mondiale, il comando di un plotone britannico viene affidato al giovane ed inesperto tenente Goodbody. Con il suo zelante senso del dovere, l’ufficiale porterà tutti gli uomini del suo reparto alla morte. Corrosivo e surreale, come molti altri lavori di Richard Lester, il film è una divertente ma anche amara presa in giro dell’assurdità della guerra. In precedenza, Lester aveva diretto John Lennon in
Tutti per uno e Aiuto!
, i primi due film dei Beatles.
(andrea tagliacozzo)

Hello Dolly

Una vedova, sensale di matrimoni, sceglie tra i suoi clienti il miglior partito, un commerciante di mezza età, e lo fa innamorare di sé. Dalla commedia di Jerry Herman e Michael Stewar (tratta da The Matchmaker di Thornton Wilder), che tanto successo aveva riscosso a Broadway. Nonostante l’ottima interpretazione della Streisand e la regia tutto sommato elegante di Gene Kelly, il film non ebbe lo stesso successo. Anzi, rischiò di mandare a picco la 20th Century Fox che l’aveva prodotto.
(andrea tagliacozzo)