Lydia

Adattamento americano di
Carnet di ballo
, realizzato in Francia dallo stesso Julien Duvivier nel 1937. In una terrazza newyorkese, la settantenne Lydia rievoca assieme a tre suoi ex pretendenti gli anni della giovinezza. La donna, all’epoca assiduamente corteggiata dai tre, era invece innamorata di un quarto spasimante. Ottima sceneggiatura di Ben Hecht e Samuel Hoffenstein. Notevole anche la Oberon. Secondo film di Joseph Cotten che in quello stesso anno aveva esordito in
Quarto potere
di Orson Welles.
(andrea tagliacozzo)

La primula rossa

Durante la rivoluzione francese, alcuni aristocratici riescono a sfuggire alla ghigliottina grazie all’intervento di un misterioso individuo, la Primula Rossa. L’ambasciatore francese a Londra, messo involontariamente sull’avviso da Lady Blakeney, sospetta che si tratti del marito della donna, Sir Percy. Un appassionante film d’avventura prodotto da Alexander Korda. Ironica e vivace l’interpretazione di Leslie Howard che l’anno seguente vestirà i panni di Romeo nel Giulietta e Romeo di George Cukor. (andrea tagliacozzo)

La calunnia

Sottile dramma su due giovani donne (Oberon e Hopkins), direttrici di una scuola, rovinate dalle maldicenze di una maligna studentessa (Granville). Liberamente tratto da The Children’s Hour di Lillian Hellman, che sceneggia in prima persona. Superba prova di recitazione di tutto il cast, con una Granville agghiacciante e di grande effetto. Rifatto nel 1961 dallo stesso regista con il titolo Quelle due.

Per sempre e un giorno ancora

Un’ottantina di star inglesi (e americane) hanno preso parte a questo film a episodi, incentrato sulla storia di una casa e dei suoi abitanti nel corso degli anni, allo scopo di raccogliere fondi per il British War Relief. Il risultato è discontinuo, ma ci sono molti buoni momenti e la parata di stelle è veramente unica.

Così parla il cuore

Biografia romanzata del compositore d’operetta Sigmund Romberg. Durante una vacanza, il musicista, già celebre, incontra la giovane Lillian, della quale s’innamora. Benché la madre della ragazza non veda di buon occhio la loro unione, i due finiscono per sposarsi. Nonostante la prestigiosa firma di Stanley Donen (il regista di
Cantando sotto la pioggia
), un film non eccezionale. Si ricorda soprattutto per le numerose apparizioni a sorpresa di celebri artisti della MGM come Gene Kelly, Jane Powell, Cyd Charisse e Howard Keel.
(andrea tagliacozzo)

Intrighi al grand hotel

Trovandosi in gravi situazioni finanziarie, l’anziano signor Trent si trova costretto a vendere un vecchio e prestigioso hotel di sua proprietà. L’uomo incarica il suo vecchio e fedele direttore di scegliere tra tre possibili acquirenti: un ricco ma losco individuo, un onesto uomo d’affari e un agenzia immobiliare. Buon adattamento cinematografico di un romanzo di Arthur Hailey, con un Rod Taylor, nei panni del direttore dell’hotel, affabile e decisamente in parte. Circa quindici anni dopo questo film è diventato un serial televisivo con il titolo
Hotel.
(andrea tagliacozzo)