Jennifer’s Body

Jennifer (Megan Fox), una studentessa del liceo di un piccolo paese, viene posseduta da un demone affamato: la ragazza passa dalla perfidia scolastica – attitudine, snobismo ed esibizionismo – alla malvagità vera e propria. Il suo insaziabile appetito fa si che ragazzi che non sarebbero nemmeno stati notati da lei nel passato, vengano sedotti (e uccisi) con maggiore frequenza, man mano che il languore di Jennifer accresce. La sua migliore amica, Needy (Amanda Seyfried), dovrà uscire dall’ombra di Jennifer per salvare tutti i ragazzi del paese, perfino il suo fidanzato, Chip.

Transformers – La vendetta del caduto

Sam Witwicky (Shia LaBeouf) si schiera nuovamente al fianco degli Autobot contro i loro nemici giurati, i Decepticon. La battaglia sembrava finita al termine del primo episodio ma Starscream, ritornato a Cybertron per prendere il comando dei Decepticon, decide di tornare sulla Terra per stabilire quale sarà il destino dell’universo.

Se nel prototipo Transformers fantascienza e commedia si mescolavano e la mano del produttore Spielberg era più facilmente avvertibile, la nuova puntata è priva dell’ironia necessaria a superare la sospensione dell’incredulità. E nella lunga battaglia finale che si estende all’intero globo domina anche un compiacimento iconosclasta che rasenta il luddismo culturale. Il regista, che in omaggio alla logica dei sequel blockbuster raddoppoia la dose di ogni ingrediente, sembra qui interessato solo all’azione, da spalmare sulla più eccessiva durata possibile, ma gli scontri tra robot sono più stordenti e più confusi, e l’occhio collassa.