Le campane di Santa Maria

Nel 1944, il regista McCarey e Bing Crosby avevano riscosso un grande successo con
La mia via,
film vincitore di sei premi Oscar (compresi quelli per la regia e per il miglior attore). Un anno dopo, Crosby torna a indossare i panni di Padre O’Malley, stavolta impegnato a convincere un milionario a donare un grande edificio per la costruzione di una nuova scuola. Il film, infarcito fino all’inverosimile di buoni sentimenti, è inferiore al pur sopravvalutato predecessore. Sei nomination agli Oscar.
(andrea tagliacozzo)

Il buon samaritano

Sam, direttore di un grande emporio, è un uomo dal cuore d’oro. Anche troppo. La sua schietta bontà, il suo continuo prodigarsi per il prossimo finiscono spesso per metterlo nei guai. Uno dei film meno riusciti del veterano della commedia Leo McCarey, malgrado la presenza del divo Gary Cooper.
(andrea tagliacozzo)

Un amore splendido

Rifacimento di
Un grande amore
, diretto dallo stesso Leo McCarey nel 1939, tratto dal racconto di Mildred Cram. Un uomo, aspirante pittore, deve recarsi a New York per sposare una ricca ereditiera. Sulla nave che lo sta portando a destinazione, conosce una giovane cantante. Sebbene anche la donna sia in procinto di sposarsi, tra i due nasce a poco a poco un reciproco sentimento d’affetto. I due protagonisti sono straordinari, ma il film rimane una spanna al di sotto della precedente versione. Rifatto ancora nel ’94 con il titolo
Love Affair – Un grande amore
da Glenn Gordon Caron.
(andrea tagliacozzo)