La città è salva

Un procuratore distrettuale, deciso a sgominare una banda di delinquenti che commettono assassini su commissione, apprende che l’unica testimone in grado di incastrare il capo dell’organizzazione è una ragazza che si nasconde sotto falso nome. Il regista Bretaigne Windust venne sostituito a riprese già iniziate dal più capace Raoul Walsh. E lo zampino di quest’ultimo, fortunatamente, si vede nello stile narrativo secco, asciutto ed estremamente efficace. (andrea tagliacozzo)