Pulse

Un altro remake a stelle e strisce di un horror originario del Sol levante. La pellicola si rifà infatti a quella omonima del 2001 di Kiyoshi Kurosawa che si aggiudicò il premio Fipresci a Cannes. Josh (Jonathan Tucker), uno studente universitario viene trovato morto in circostanze misteriose all’interno del campus. La morte pare viaggi sul filo, anzi su una frequenza wireless utilizzata dagli studenti. Ben presto, come un’epidemia, chiunque entri in contatto con la frequenza killer fa una brutta fine. Un’amica di Josh, Mattie (Kristen Bell) scopre che chiudere porte e finestre con del nastro adesivo di colore rosso ferma la minaccia letale. Ma non la elimina… Secondo lungometraggio di Jim Sonzero, il film annovera Wes Craven tra gli scene