Grazie per quel caldo dicembre

Matt, chirurgo americano rimasto prematuramente vedovo, va in Inghilterra per una vacanza, accompagnato dalla figlioletta Stephanie. A Londra, l’uomo conosce Katherine, giovane e graziosa nipote di un ambasciatore africano. S’innamora della ragazza, che successivamente scopre affetta da un male incurabile. Melodramma strappalacrime che risulterebbe quasi insopportabile se non fosse per la presenza di Sidney Poitier.
(andrea tagliacozzo)

Hanky Panky – Fuga per due

Uno stravagante architetto newyorkese viene coinvolto nella caccia a un nastro contenente un importante segreto militare. La sorella di un pittore, misteriosamente assassinato, aiuta l’uomo a sfuggire agli agenti della sicurezza nazionale e ad alcuni malavitosi fortemente interessati alla preziosa registrazione. Poco originale nello spunto (preso in prestito da
Intrigo internazionale
), piuttosto fiacco nella realizzazione, un film che non ha quasi nulla di realmente divertente, nonostante l’impegno di Gene Wilder e di sua moglie Gilda Radner. Nel 1981, Sidney Poitier aveva diretto Wilder in coppia con Richard Pryor nel più riuscito
Nessuno ci può fermare
.
(andrea tagliacozzo)