Il tagliaerbe

Tratto (molto liberamente) dal racconto di Stephen King
The Lawnmower Man
. Uno scienziato lavora su un sofisticato apparecchio di realtà virtuale in grado di sviluppare l’intelligenza nei soggetti che ne fanno uso. Un ritardato mentale, che funge da cavia agli esperimenti, riesce a compiere miracolosi progressi. La continua somministrazione di un farmaco, però, lo trasforma in un individuo aggressivo e pericoloso. Non male gli effetti speciali, anche se la sceneggiatura è ai limiti dell’idiozia. Nel ’95 ne verrà realizzato un seguito.
(andrea tagliacozzo)

Il buio si avvicina

Il giovane Caleb viene attratto da una misteriosa coetanea, Mae, che si rivela essere una vampira. Dopo essere stato morso sul collo da questa, il giovanotto, irrimediabilmente contaminato, si unisce al gruppo della ragazza, formato da altre creature della notte. Il debole Caleb, però, dimostra ben poca attitudine alla vita del vampiro. Un horror decisamente originale, per atmosfere e situazioni: quasi un allucinato road movie, ambizioso, raffinato, d’autore. Scritto dalla stessa regista (futura autrice di

Point Break
e
Strange Days
) in collaborazione con Eric Red.
(andrea tagliacozzo)

Il buio si avvicina

In realtà, questa storia (sopra la media) di vampiri somiglia più a un film sui lupi mannari. Il cowboy Pasdar viene letteralmente morso dalla Wright e si unisce a un gruppo di sanguisughe di montagna che vagano per il West in un furgone. Un horror diretto con stile, che riunisce tre membri del cast di Aliens — Scontro finale: Henriksen, Paxton e la Goldstein.